Chieti, bimbo di 4 anni dimenticato sullo scuolabus: apre la portiera e fa 300 metri per tornare a casa dai nonni

Il piccolo è rimasto a bordo: probabilmente dormiva rannicchiato su qualche sedile e nessuno si è accorto che era ancora lì

Chieti, bimbo di 4 anni dimenticato sullo scuolabus: apre la portiera e fa 300 metri per tornare a casa dai nonni
2 Minuti di Lettura
Martedì 6 Dicembre 2022, 19:41 - Ultimo aggiornamento: 7 Dicembre, 07:42

Un bambino di 4 anni dimenticato sullo scuolabus ha dormito nel deposito e poi è tornato a casa a piedi dai nonni. Dopo aver capito dove si trovava, ha percorso la provinciale da solo ed è arrivato a casa dai nonni. È successo ieri mattina ad Atessa, in provincia di Chieti. Il bimbo era stato accompagnato dai nonni paterni sullo scuolabus che l'avrebbe portato all'asilo nella vicina Perano, ma quando i compagni sono scesi, il piccolo è rimasto a bordo: probabilmente dormiva rannicchiato su qualche sedile e nessuno si è accorto che era ancora lì, né l'autista né l'accompagnatore. Alla materna hanno pensato che fosse rimasto a casa e non si sono preoccupati della sua assenza.

Chiodo nel piatto per i bambini alla mensa scolastica. Il sindaco di Monterotondo sospende il servizio: «Atto criminale»

Bimbo di 4 anni dimenticato sullo scuolabus, come è tornato a casa

Il minibus quindi è stato parcheggiato nel deposito mezzi col bimbo dentro. Ad un certo punto il piccino si è svegliato e, accorgendosi si essere rimasto chiuso dentro il pulmino, è andato dritto nella zona del conducente e ha schiacciato il pulsante per aprire la portiera. Sceso dal pulmino, si è incamminato da solo verso l'abitazione dei nonni materni, percorrendo 300 metri a piedi sulla provinciale. Arrivato lì, ha aperto il cancello e ha suonato, raccontando ai nonni stupefatti l'accaduto. Del fatto si stanno occupando i carabinieri della compagnia di Atessa che rimetteranno un'informativa alla Procura di Lanciano (Ch).

© RIPRODUZIONE RISERVATA