Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Caso Soleimani, il Comune di Pacentro nega la cittadinanza onoraria a Mike Pompeo

Caso Soleimani, il Comune di Pacentro nega la cittadinanza onoraria a Mike Pompeo
2 Minuti di Lettura
Martedì 7 Gennaio 2020, 19:38
Caso Soleimani, il Comune di Pacentro, in Abruzzo, nega la cittadinanza onoraria al Segretario di Stato della Casa Bianca, Mike Pompeo, i cui bisnonni paterni, emigrati negli Usa, erano originari del piccolo centro peligno, esattamente come la cantante Madonna.

La decisione è stata adottata nel novembre scorso dopo che i consiglieri comunali di opposizione, in seguito alla visita del Segretario di Stato, avevano proposto di conferire a Pompeo l'onorificenza. La notizia della cittadinanza negata si è appresa solo oggi dopo che l'associazione «Un solo pianeta» alla luce della crisi internazionale in atto tra Stati Uniti e Iran, per il raid ordinato dal presidente Donald Trump e avallato dallo stesso Pompeo, ha proposto di non concedere il riconoscimento di cittadino onorario di Pacentro.

La richiesta dell'associazione «non si pone - precisa il sindaco di Pacentro, Guido Angelilli - perché il consiglio comunale ha detto no alla cittadinanza onoraria già dal mese di novembre, in attesa di un regolamento specifico che deve disciplinare le concessioni di cittadinanze onorarie». Una determinazione che ha sollevato le proteste della minoranza consiliare che aveva proposto l'onorificenza alla vigilia della visita privata del Segretario di Stato americano a Pacentro che si è tenuta il 3 ottobre scorso e con la quale, Pompeo ha voluto esaudire un desiderio espresso dal padre, andando a conoscere quella che fu l'abitazione del bisnonno,
Carlo.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA