Minorenne accoltella due ventenni: è ai domiciliari con l'accusa di tentato omicidio. La lunga scia di aggressioni

Sangue a via Valle Piatta
2 Minuti di Lettura
Lunedì 7 Settembre 2020, 11:49 - Ultimo aggiornamento: 11:51

Aggressione in centro, 17enne accoltella due ragazzi: uno è grave. Arrestato feritore

Sangue sul selciato. Dell’aggressione di sabato notte resta una macchia cremisi sui sampietrini di via Valle Piatta. E’ il sangue di due ventenni di Viterbo, A.B. di 22 anni e D.R. di 23, colpiti da diverse coltellate sferrate da A.B. di 17 anni.

Resta ancora un mistero come sia scoppiata la lite che ha portato i due ventenni in ospedale. Uno con una prognosi di dieci giorni e l’altro in condizioni critiche e una prognosi ancora da sciogliere.  Pochi i dati certi. I tre giovani sarebbero stati inquadrati dalle telecamere di sorveglianza a piazza del Comune. Parlavano animatamente ma nessun accenno di violenza. Nemmeno cento metri dopo sarebbe scoppiata la lite. 
L’aggressione si è consumata in una via laterale, proprio alle spalle di piazza del Comune, buia e poco trafficata. 

E’ qui che sono arrivati i soccorsi e gli agenti della Volante, chiamati d’urgenza per soccorrere i due feriti. 
La polizia e i sanitari si sono trovati davanti due giovani con ferite aperte, ricoperti di sangue. Le vittime avrebbe detto di essere state aggredite dal 17enne ma senza spiegare il motivo.

La Volante ha subito iniziato le ricerche del minore, che diventerà maggiorenne a ore, e lo ha trovato a piazza del Teatro ancora sporco di sangue. Il 17enne, già noto alle forze dell’ordine per piccoli problemi legati agli stupefacenti, è stato prima portato in Questura e poi trasferito a Roma con l’accusa di tentato omicidio e lesioni aggravate. Al momento è ai domiciliari in attesa dei successivi passi della giustizia.

Secondo la versione dell’accusato avrebbe colpito i due ragazzi con il suo coltellino svizzero per difendersi. Non sarebbero stato a lui a fare la prima mossa. La versione, però, dovrà essere passata al vaglio dei magistrati che in queste ore stanno raccogliendo testimonianze e visionando le immagini delle telecamere di sorveglianza per capire cosa abbia innescato la lite. 

Al momento il ventitreenne D. R. è ricoverato in gravi condizioni a Belcolle per le profonde ferite, all’addome, alla spalla e alla schiena inferte col coltellino dell’aggressore. I medici non hanno sciolto la prognosi e potrebbe rischiare la vita. 

Giovanissimi allo sbando. Nell’ultimo periodo nel capoluogo gli episodi che hanno visto minori o ragazzi appena maggiorenni protagonisti sono stati diversi. Aggressioni, tentati omicidi come quello di via della Pettinara e furti. L’ultimo solo una settimana fa quando 4 ragazzini minorenni dopo aver rubato un’auto hanno tentato di forzarne un’altra e alla vista delle forze dell’ordine sono finiti contro un pilone di cemento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA