Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Tre etti di coca nel portabagagli, arrestato commerciante 34enne

Cocaina
2 Minuti di Lettura
Giovedì 30 Giugno 2022, 06:07 - Ultimo aggiornamento: 21:56

Commerciante con la passione per la cocaina. Un 34enne di Viterbo martedì scorso è finito nei guai dopo essere stato fermato dalla polizia. L’uomo, che era già sotto la lente della Squadra Mobile, è stato intercettato in località Trentamiglia mentre trasportava tre etti e mezzo di cocaina.

Il 34enne era stato visto a Monterosi e seguito fino alle porte di Ronciglione dove gli agenti lo hanno fermato e perquisito. Il pretesto sarebbe stata la sua guida poca attenta e poi il nervosismo davanti alla polizia. La droga era nascosta in un pertugio ricavato all’interno dello sportello del portabagagli della sua auto. Dopo il primo sequestro la polizia ha esteso la perquisizione anche alla sua abitazione a Viterbo. Qui, in una cantina di sua pertinenza, è stato trovato un altro etto di hashish.

Nessuna spiegazione sarebbe stata fornita dall’uomo sulla sostanza stupefacente, per questo al termine degli accertamenti è stato arrestato per possesso di sostanze stupefacenti in attesa del rito direttissimo. Il 34enne da tempo era tra le persone “attenzionate”. I suoi spostamenti, probabilmente per acquisti di droga, erano seguiti. E martedì è stato colto in flagranza, con la cocaina appena nascosta in auto in auto. Ieri mattina il 34enne è arrivato in Tribunale, assistito dall’avvocato Giuliano Migliorati.

La giudice Elisabetta Massini dopo aver ascoltato gli agenti e l’imputato ha convalidato l’arresto disponendo la misura cautelare degli arresti domiciliari. L’uomo potrà comunque uscire due ore al giorno per assistere i suoi animali. Il commerciante infatti ha un piccolo allevamento e nessuno che possa badarvi. La prima udienza del processo è stata fissata per il prossimo 14 luglio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA