Piste ciclabili, percorsi verdi e parcheggi sotterranei: ecco i progetti da 37 milioni di euro

Il sindaco Arena e l'assessore Ubertini
3 Minuti di Lettura
Giovedì 29 Luglio 2021, 06:50 - Ultimo aggiornamento: 13:26

Piste ciclabili, percorsi verdi tra le mura cittadine. E ancora: alloggi antisismici ed energicamente avanzati, parcheggi sotterranei e un parco verde dal Colle del Duomo fino a Valle Faul. Dal quartiere Carmine, passando per il Sacrario, per arrivare a Santa Barbara. La qualità dell’abitare a Viterbo si concretizza in due mega progetti che saranno finanziati dalle casse dello Stato con ben 30 milioni di euro.

A illustrare nel dettaglio come le due zone della città verranno riqualificate ci hanno pensato il sindaco Giovanni Arena, l’assessore all’Urbanistica Claudio Ubertini e tutto lo staff comunale che ha seguito l’iter della progettazione.

«Quello che riceveremo - afferma il sindaco arena - è un importante finanziamento per un intervento diffuso sulla città, che ci permetterà di aggiungere e migliorare la situazione. Andremo a riqualificare zone, come il Carmine e Santa Barbara, che ne hanno bisogno da tempo. In particolare interverremo sulle strutture abitative e sugli aspetti qualificanti dei quartieri come le piste ciclabili e ampliamento del verde». I due progetti, uno per il Carmine- centro storico e uno per Santa Barbara, saranno finanziati con 15 milioni di euro ciascuno.

«A cui vanno aggiunti, solo per il primo progetto - spiega l’assessore Ubertini -, 5 milioni e 800mila euro di cofinanziamento del Comune e un milione e 600mila euro che investirà la società sportiva della Viterbese. Nella mole di interventi infatti è previsto anche un miglioramento per lo stadio del capoluogo. «Complessivamente - dice ancora Ubertini - parliamo di 37 milioni che andranno a riqualificare zone particolarmente degradate che da anni non vedevano interventi importanti».

Ovviamente il finanziamento statale è legato a una strettissima tempistica. Che il Comune dovrà assolutamente rispettare, pena la revoca dei fondi. «In base a quanto stabilito - hanno spiegato i tecnici comunali - l’iter dovrebbe terminare entro il 2022. E i lavori dovranno iniziare tutti contemporaneamente entro il 2023 e terminare nel 2026». Tre anni esatti per completare opere che non solo miglioreranno la qualità dell’abitare a Viterbo ma che, se portare a segno, cambiare e migliorare il volto di alcune zone.

In base agli interventi approvati non saranno solo riqualificati gli alloggi delle “case minime” e della palazzina Ater di via Castel di Fano ma da lì partirà un percorso verde attraverso la cinta muraria (anche questa in restyling) fino ad arrivare a Valle Faul dove sarà recuperato l’ex centro sociale già oggetto di intervento del Plus. Ampliato anche il polmone verde adiacente al Sacrario. Proprio qui sarà realizzato un parcheggio sotterraneo e una parte del piano superiore sarà destinata al verde.

Il percorso comprenderà anche parte di Colle del Duomo. Importanti anche gli interventi a Santa Barbara dove saranno riqualificate dal punto di vista energetico e sismico gli alloggi popolari di via Tagete e via Porsenna, sarà realizzata una pista ciclabile ad anello che consentirà di raggiungere gli impianti sportivi. Per ora però ancora tutto sulla carta, il Comune deve correre per la progettazione definitiva.

© RIPRODUZIONE RISERVATA