Civita Castellana, mascherine per le scuole gettate nel cestino dell'immondizia

Civita Castellana, mascherine per le scuole gettate nel cestino dell'immondizia
2 Minuti di Lettura
Venerdì 28 Gennaio 2022, 10:28 - Ultimo aggiornamento: 20:16

Pacchi di mascherine Ffp2, ancora sigillate, destinate agli studenti ai docenti e al personale della scuola, sono state gettate nei cestini per l'immondizia a Civita Castellana.

Il caso ha sollevato rabbia e indignazione tra gli abitanti di piazza Pertini, che le hanno notate per primi quelle strane buste di colore azzurro tra i rifiuti. Subito dopo si sono sollevate le disapprovazioni da parte dei passanti.

Impossibile trovare gli autori del gesto, ma è certa la provenienza. Sulle buste ancora intatte infatti è stampato il logo e la scritta Presidenza del consiglio dei Ministri, che certifica che quelle mascherine sono state inviate negli istituti scolastici di tutta Italia dal Governo.

«Faremo luce su quanto accaduto- ha detto il sindaco Luca Giampieri - è un gesto vergognoso. Non si possono sperperare in questa maniera risorse fornite dal ministero agli istituti. Ci stiamo impegnando anche noi per fornire le mascherine, ma se questi sono i risultati ce ne guarderemo bene da farlo. Servono interventi di educazione civica.»

Nel giro di qualche centinaio di metri da quei cestini, sono presenti tre istituti superiori, da dove potrebbe essere uscito quel materiale. Sui social è scattata la condannadiventata virale nel giro di poche ore. Gesto che è stato giudicato dai più Incivile, ma c'è anche chi ha proposto un maggior controllo all'interno degli istituti. Poi cè stato anche chi ha indicato come soluzione di donarle alle associazioni di volontariato del posto per attribuirle alle persone in difficoltà.

In pratica si tratta delle mascherine inviate agli istituti scolastici, dopo che sono scattate le norme con la riapertura delle scuole.

L'uso delle mascherine riguarda i docenti, il personale preposto alle attività scolastiche e didattiche nei servizi educativi nelle scuole di ogni ordine e grado

© RIPRODUZIONE RISERVATA