Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Viterbo, acque agitate alla piscina comunale. La società rassicura: «Salderemo tutti i conti»

Viterbo, acque agitate alla piscina comunale. La società rassicura: «Salderemo tutti i conti»
di Federica Lupino
2 Minuti di Lettura
Domenica 29 Aprile 2018, 19:08

Caos alla piscina Larus della Pila, il Comune chiede le carte. Il sindaco Leonardo Michelini lo aveva detto: «Voglio vederci chiaro. Dobbiamo essere certi che lì dentro i lavoratori vengano pagati e i servizi garantiti». E così il dirigente Luigi Celestini ha incontrato due dei tre soci (Cosimo D'Ambrosio, Marco Liberati e Luca Colonna) dell'associazione temporanea di impresa tra Maco e Larus, che a luglio dello scorso anno si è aggiudicata la gestione. «Ci è stato assicurato dichiara Celestini che le voci sui ritardi nei pagamenti sono esagerate». Insomma, non si arriverebbe ad arretrati fino a un anno.

Nello specifico, i soci hanno dichiarato al Comune, proprietario della più grande struttura sportiva del Viterbese data in affidamento decennale a seguito di un bando, che solo tre persone non riceverebbero soldi da 5 mesi. «Ma secondo loro si tratta di casi particolari in quanto continua il dirigente era in piedi una trattativa sul contratto e un'ipotesi di compartecipazione, poi naufragate. Gli altri lavoratori (in totale una cinquantina, ndr) sarebbero indietro solo due mesi, febbraio e marzo». Ma da Palazzo dei Priori la linea dettata è chiara: «Che si tratti di casi particolari o meno, pretendiamo prosegue che le mensilità vengano saldate». La società ha garantito che entro maggio pagherà tutto, mettendosi così in regola. «Ma ho chiesto le ricevute di pagamento e tutta la documentazione per comprovare quanto ci è stato detto a voce», sottolinea Celestini.

Sul fronte dei servizi, la società ha negato che esistano problemi. «Anzi, hanno ricordato di aver lanciato una manifestazione di interesse per l'efficientamento energetico e la sostituzione dei corpi illuminanti a cui hanno partecipato in 55», chiude il dirigente. Tutto va bene, dunque? Tra quattro settimane, la resa dei conti.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA