Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Emily Blunt: «Mary Poppins è tornata e non è più solo una tata...»

EMBED
Ne “Il Ritorno di Mary Poppins” Emily Blunt porta sul grande schermo, dopo Julie Andrews, la tata più famosa al mondo. Nel 1965 il ruolo valse all’attrice la vittoria agli Oscars e Emily Blunt sembra essere sulla buona strada per seguirne le orme, con la candidatura ai Golden Globes e ai SAG Awards già in tasca nel crepuscolo della Award Season. Durante il junket tenutosi a Londra, dove Mary Poppins è di casa, abbiamo intervistato l’attrice e le abbiamo chiesto che evoluzione ha avuto il personaggio, nato dalla penna di Pamela Lyndon Travers, in questo ritorno sul grande schermo. Non solo tata, anche Cupido, perché Mary Poppins non è tornata solo per i piccoli di casa Banks, anche per gli adulti, Michael e Jane, i bambini che ha cresciuto e spronato nel primo capitolo cinematografico adesso sono diventati adulti, ma in cuor loro sono ancora gli stessi ragazzi pronti a far volare un aquilone in una soleggiata giornata primaverile, occorre solo una Mary Poppins che gli ricordi come sia importante non smettere mai di seguire i propri sogni e lasciare libera l’immaginazione. Per questo motivo aiuta non solo Michael (Ben Whishaw) a superare la perdita della moglie, e ad essere un buon padre per i suoi tre figli, sostiene anche la sorella Jane (Emily Mortimer) nel trovare l’amore della sua vita, improvvisandosi anche un Cupido di tutto rispetto. (Servizio a cura di Eva Carducci)