Covid, Catena (Sacco): «D'ora in poi fascia 50-70 anni più a rischio»

EMBED

«Ci siamo resi conto che le varianti – soprattutto quella inglese - sono molto diffusive, sono molto cattive e più letali, in terapia intensiva ce ne rendiamo conto ogni giorno. Le manifestazioni della malattia sono molto severe anche in soggetti di fascia d’età 50 – 70, quindi relativamente molto giovani». Lo ha detto a Sky TG24 Emanuele Catena, Primario Terapia intensiva dell’Ospedale Sacco di Milano, ospite di ‘Buongiorno’ che ha avvisato come «da qui in avanti, fin quando la pressione vaccinale non riuscirà a controllare la situazione, la fascia età più a rischio sarà proprio quella 50 – 70 perché gli ottantenni li abbiamo vaccinati i fragili li stiamo vaccinando ed è proprio su questa fascia che dobbiamo porre l’attenzione».

VIDEO Fiumicino, l'igienizzazione dei bagagli provenienti dall'India

Roma, bambino cade in un pozzo di 5 metri, estratto dai vigili dopo un'ora