Anziana uccisa in cascina a Milano: dipendente 22enne bulgaro confessa

EMBED
È un giovane lavoratore che era entrato in famiglia per un progetto di accoglienza l'autore dell'omicidio di Carla Quattri Bossi, la 90enne trovata morta con segni di violenza alle porte di Milano in una cascina, a Podere Ronchetto. Dalle prime informazioni della polizia, il giovane ha confessato davanti al pubblico ministero. "Il ragazzo era molto scosso dopo l'accaduto e consapevole di avere compiuto delitto orribile. Non per questo è esente da gravissime responsabilità", ha dichiarato Marco Cali, capo della squadra mobile, aggiungendo che all'origine dell'omicidio ci sarebbe il rifiuto da parte della vittima di consegnare al giovane una somma di denaro. Proprio il diniego dell'anziana "ha portato a uno scatto d'ira".

Milano, anziana uccisa in agriturismo. Confessa un 22enne bulgaro: ha rubato la fede ed è andato in discoteca

ALTRI VIDEO DELLA CATEGORIA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti