PAPA FRANCESCO

Papa Francesco al Messaggero, Caltagirone: «È l’incontro tra il Bene come missione e il bene civile e sociale»

Domenica 9 Dicembre 2018 di Mario Ajello
Papa Francesco al Messaggero, Caltagirone: «È l’incontro tra il Bene come missione e il bene civile e sociale»
Alle spalle del Pontefice e dell’editore, è appesa al muro nella redazione della cronaca la gigantografia della prima pagina del primo numero del Messaggero, giornale laico e liberale che uscì il 16 dicembre 1878. Un piccolo podio. E un breve discorso di saluto, quello di Francesco Gaetano Caltagirone, in cui il piano spirituale e quello civile s’intrecciano. Ed emerge, nella differenza dei ruoli, un punto di contatto tra chi è Papa e chi fa informazione. E non c’è niente di retorico in queste parole emozionate. «Santità, è un onore avervi qui», dice Caltagirone, e Bergoglio sta accanto a lui, in piedi, con la naturalezza che gli appartiene.

IL VESCOVO DI ROMA
«Il vescovo di Roma - incalza Caltagirone - nel giornale di Roma». E insomma, «questo è l’incontro tra chi ha il Bene come missione e chi, laicamente, aspira a bene civile e sociale e aspira a migliorare la società con il proprio lavoro, giornalistico e editoriale». Francesco annuisce. «Quando la venni a trovare - conclude l’editore - lei mi disse che gran parte delle informazioni le prende dal Messaggero». «È vero», interviene Bergoglio: «È vero!». L’atmosfera è molto colloquiale, ma non si sta parlando di temi leggeri. Tutt’altro. Poi Caltagirone offre un dono al pontefice, ed è la lastra, incorniciata, della prima intervista di Francesco al Messaggero, il 29 giugno 2014. 

Si cambia sala. Si passa in quella affollata dai dipendenti non giornalisti, tecnici, amministrativi. E qui, mentre il Papa stringe mani, riceve e rivolge sorrisi, si svolge il saluto dell’amministratore delegato, Azzurra Caltagirone: «Santo Padre, la ringrazio di essere qui. E’ una grandissima emozione. In questa sala ci sono le persone che non scrivono il giornale, ma sono importanti come tutti gli altri per l’uscita ogni giorno del Messaggero». E subito dopo il Papa, a tutti i presenti: «Pregate per me, che ne ho bisogno». Chi coltiva la fede, certamente lo farà. Gli altri continueranno a volergli bene.  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Chi era Trilussa?”: cosa rispondono i ragazzi di Trastevere

di Veronica Cursi