PAPA FRANCESCO

Il capo dei gesuiti, «dobbiamo formare leader politici per fermare i sovranismi»

Lunedì 4 Novembre 2019

Città del Vaticano - I gesuiti fanno il punto sul loro impegno nella vita pubblica. «Ora vogliamo formare leader politici, nell'ottica della giustizia sociale» annuncia padre Arturo Sosa superiore generale della Compagnia di Gesù, a conclusione della prima giornata del congresso mondiale dei gesuiti per il 50esimo anniversario del  Segretariato per la giustizia sociale e l'ecologia, in corso alla Curia Generalizia in Vaticano. «Siamo convinti che una delle conseguenze di questo cambio d'epoca, compreso il sovranismo, sia l'indebolimento della democrazia - sottolinea il 'papa nero' - ma senza una democrazia solidale, non può esserci giustizia sociale. L'impegno nella politica è collegato al nostro essere cristiani, ovvero cittadini con la naturale vocazione al bene comune».

Papa Francesco, il complotto per farlo dimettere: «C'è una strategia»

Il Segretariato per la Giustizia Sociale e l'Ecologia nato nel 1969 per volere di Padre Pedro Arrupe, celebra i cinquant'anni e per i gesuiti si tratta di un momento storico che promuove la giustizia e la riconciliazione. Da oggi fino all' 8 novembre, si terrà un Congresso internazionale presso la Curia Generalizia che vedrà la partecipazione di oltre 210 persone tra gesuiti, esperti e attivisti di tutti i continenti, impegnati in quelle che Papa Francesco definisce le "periferie" del mondo.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma