PAPA FRANCESCO

Prime carte archivi vaticani: «Pio XII aiutò gli ebrei». Il rabbino capo di Roma: «Si riveleranno un boomerang»

Lunedì 2 Marzo 2020
1

Città del Vaticano – Cominciano ad uscire i documenti che scagionano Pio XII dalla leggenda nera di non avere fatto nulla per salvare gli ebrei. L'Osservatore Romano anticipa un paio di carte importantissime. Per esempio il fascicolo: «Accuse contro Monsignor Ottaviani di aver concesso documenti falsi ad ebrei e di averli ricoverati in edifici extraterritoriali». Oppure la commovente lettera indirizzata a Papa Pio XII da alcuni ebrei mentre erano detenuti dalle SS e dalla Gestapo nel Collegio Militare di Palazzo Salviati in Via della Lungara, già stata pubblicata da diversi autori (Kühlwein, Riccardi).

Oppure il foglio con il Press-service di Washington del 20 ottobre 1943 che informa che «nella notte del 15-16 ottobre un numero considerevole di Ebrei sono stati arrestati in varie parti di Roma (stop) dopo essere stati tenuti 24 ore nel collegio militare sono stati trasportati ad una destinazione sconosciuta (stop) è detto qui che la Santa Sede si è interessata che simili accaduti non si ripetono e in favore di casi particolari».

Il giornale vaticano anticipa che in questo caso è la nota in margine con la tipica grafia pacelliana che apre una nuova finestra interpretativa: «è prudente che Presseservice mandi queste notizie?», scrisse Papa Pio XII, ben consapevole che non giovava di svegliare i cani che dormono, soprattutto non i nazisti, per azioni umanitarie che partivano dal Palazzo Apostolico. Con un «No davvero» secco e deciso scritto da monsignor Tardini, Segretario della Congregazione degli Affari Ecclesiastici Straordinari, la linea dell’assoluta discrezione da parte della Santa Sede al riguardo del suo operato viene evocata, senza mezzi termini, ancora una volta. 

L'ALTOLA' DEGLI EBREI
«È molto sospetto questo sensazionalismo, con i fascicoli già pronti e le conclusioni facili proposte sul vassoio. Ma basta poco per rendersi conto che già le scarse rivelazioni si riveleranno un boomerang per gli apologeti a ogni costo. Si vede chiaramente che non ci fu volontà di fermare il treno del 16 ottobre e che gli aiuti furono ben mirati a tutela dei battezzati», commenta all'Ansa il rabbino capo di Roma, Riccardo Di Segni. «Dopo aver detto che ci vorranno anni di studio, ora la soluzione uscirebbe il primo giorno come il coniglio dal cilindro del prestigiatore. Per favore, fate lavorare gli storici».

Ultimo aggiornamento: 19:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento