Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Nella Ternana gli attaccanti sono già in palla, dal bomber Donnarumma ai giovani Rovaglia e Spalluto, si scalpita per segnare

Nella Ternana gli attaccanti sono già in palla, dal bomber Donnarumma ai giovani Rovaglia e Spalluto, si scalpita per segnare
3 Minuti di Lettura
Lunedì 25 Luglio 2022, 00:45

La Ternana in versione Lucarelli 3.0 comincia a prendere forma in questa fase estiva pre-campionato e dopo quattro test disputati si conferma sempre di più a trazione anteriore. Come da filosofia del suo allenatore, anche questa squadra nasce votata all'attacco. «Il mister ci ha detto che quest'anno, rispetto alla passata stagione, dobbiamo prendere meno gol». Così diceva in ritiro il difensore Salim Diakite. Ma se da una parte si chiama all'attenzione al retroguardia, dall'altra si coltiva sempre la natura offensiva. La specialità della casa. Attaccanti già in palla, in una concorrenza molto nutrita. Si è visto in queste prove viste tra il ritiro di Cascia e la mini-tournée in Toscana. A partire dal bomber Alfredo Donnarumma, andato sempre in gol nel fine settimana appena passato in entrambe le amichevoli e pure nella prima sgambatura a Cascia. Il giorno dell'inizio della preparazione, l'ex Brescia lo aveva detto chiaramente: «Io lavoro sempre per migliorarmi rispetto all'anno prima». L'anno scorso ha segnato 14 gol ed è stato il secondo nella classifica marcatori. Fate voi, due conti. Insieme a lui, mira ad alzare l'asticella anche Stefano Pettinari. Un anno fa un campionato a corrente alternata anche per il poco spazio trovato nella fase iniziale. In questo pre-campionato ha avuto anche un problema di lombalgia, ora superato. Anthony Partipilo, invece, mira a una vera e propria consacrazione. Le ultime due stagioni, una in serie C e una in serie B, ha nell'ordine vinto la classifica marcatori di Lega Pro e colto il risultat0o di essere il miglior assist-man del campionato cadetto. In tanti si sono accorti di lui ed ha avuto richieste pure da società di serie A. Dunque, è pronto a puntare, in rossoverde, a diventare una realtà anche nel panorama nazionale. Il talento, lo ha tutto. Questi big pronti a riconfermarsi, in attesa del totale recupero di Cesar Falletti dall'infortunio, si ritrovano in casa una bella concorrenza da parte dei giovani che spingono. Sempre nelle quattro amichevoli fin qui disputate, anche loro hanno fatto vedere e Lucarelli di esserci. A partire da Pietro Rovaglia, in gol 5 volte anche se non sempre preciso in fase di conclusione. A proseguire con il nuovo arrivato Samuele Spalluto, a segno sabato a Coverciano con il Pontedera. «Vengo per migliorarmi e mettermi a disposizione della squadra – ha detto appena arrivato – sapendo di avere tanti compagni di reparto bravi e importanti dai quali imparare molto e di avere anche un allenatore che, da calciatore, è stato un grande attaccante». E Alexis Ferrante? Bella domanda. Lui è in gruppo, in attesa che si decida su una sua permanenza o una sua cessione. Lo cercano Cesena, Palermo e Cittadella. Lui, intanto, è ancora qui. Per quanto ancora, vederemo. Ma in amichevole, i suoi gol, li fa. Lì davanti, si sgomita. A Lucarelli non dispiace, certo, ritrovarsi con l'imbarazzo della scelta dovuto all'abbondanza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA