Fare l'orto per trovare un mestiere: il corso a Perugia

Giovedì 1 Ottobre 2020
PERUGIA - Conoscere la corretta e moderna coltivazione di piante officinali con la doppia finalità di farne strumenti di arredo urbano e coltivazioni di base. È stata questo l’obiettivo del quinto dei sei corsi inseriti nel progetto Futuro nel verde, percorso che ha portato alla riqualificazione delle aiuole e aree verdi intorno al Centro accoglienza immigrati di via del Favarone a Perugia. A far visita alla struttura, per toccare con mano i risultati fin qui ottenuti, l’assessore comunale alle politiche sociali Edi Cicchi, accompagnata dal consigliere comunale con delega al verde Federico Lupattelli. Presenti inoltre, Beatrice Marucci e Carla Schiaffelli, agronome progettiste e coordinatrici del progetto che si sono occupate della direzione dei lavori, della selezione del corpo docente e dei programmi, e Bernardetta Gasperi, presidente della cooperativa sociale Perusia onlus capofila di Futuro nel verde. Il progetto, realizzato con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, è stato creato in sinergia da un partenariato di eccellenza di cui fanno parte anche Fondazione per l’istruzione Agraria, Centro di Ateneo per i Musei scientifici e Federazione italiana produttori piante officinali.

Sono state 15 le persone che, «con grande entusiasmo e ottimi risultati», è stato ricordato durante l’incontro, hanno partecipato al corso gratuito, rivolto a soggetti disoccupati, inoccupati e con fragilità economiche e sociali, che ha previsto 128 ore di formazione pratica e specializzata, finalizzata all’inserimento lavorativo. “Persone di età diverse con culture e percorsi di vita differenti – ha commentato Carla Schiaffelli – per le quali il corso è stato un momento di motivazione. Questo si è rivelato un progetto di scambio inclusivo”. Attenta la selezione del corpo docente. «Tutti professionisti – ha spiegato Beatrice Marucci –, alcuni anche di fama nazionale, non docenti di mestiere ma altamente qualificati nel loro lavoro che hanno affiancato con passione i partecipanti». Tre le aiuole interessate dall’intervento, tutte caratterizzate da andamento curvilineo e forma circolare, attorno alle camere, alla cucina e all’ingresso della struttura di proprietà del Comune di Perugia che ospita beneficiari del progetto Sprar Siproimi. «Per ciò che riguarda la messa a dimora – ha proseguito Schiaffelli – abbiamo scelto piante rustiche, profumate che arredano ma allo stesso tempo che richiedono bassa manutenzione e danno massima resa». «Questa scelta – ha aggiunto Marucci -  ha permesso di apprezzare anche l’uso di piante officinali in aree urbane, si tratta in tutti i casi di progettazioni calate nella realtà».

«Credo si tratti – ha commentato l’assessore Cicchi – di un corso di grande successo, il merito va ai docenti, ai progettisti e alla cooperativa Perusia che come sempre dimostra forza nel portare avanti iniziative che sono una ricchezza. Ringrazio anche i corsisti per aver preso questo impegno con serietà. Questo progetto è un esempio di come il sociale ormai non sia più solo assistenza alle persone ma significhi lavorare con la comunità nel territorio e per il territorio. Un progetto che mette insieme l’aspetto sociale e quello di prendersi cura del luogo in cui si vive. Abbiamo bisogno di riscoprire la nostra città, angoli che necessitano di attenzione, e di averne cura. Tanto più questo è importante se lo si fa con ragazzi che vengono da altri Paesi e si trasferiscono loro questi valori». © RIPRODUZIONE RISERVATA