"Good news": le buone notizie partono da "Ledicola" di piazza San Francesco a Terni, dove arriva Lucrezia Di Canio

"Good news": le buone notizie partono da "Ledicola" di piazza San Francesco a Terni, dove arriva Lucrezia Di Canio
di Aurora Provantini
3 Minuti di Lettura
Giovedì 29 Settembre 2022, 23:24 - Ultimo aggiornamento: 30 Settembre, 09:41

TERNI – “Good news”: solo buone notizie. La prima è che torna ad esporre a Terni Lucrezia Di Canio, la giovane artista che firma il manifesto di Umbria Jazz Weekend 2022 e crea l’opera “Music cloud”.  Una istallazione che si pone come esperienza sensoriale realizzata per rendere omaggio  al festival ideato da Carlo Pagnotta: una nuvola di cd (duecento) che il pubblico ha potuto attraversare fisicamente per tutta la durata della manifestazione.  Ma poi Lucrezia Di Canio è dovuta volare a Milano per presiedere alla sua prima mostra nel capoluogo lombardo e nessuno si aspettava che tornasse nella città in cui è nata e a cui è legata da un vincolo d’acciaio (si è specializzata nella scultura di materiali metallici) così presto. Per due giorni consecutivi, venerdì 30 settembre e sabato primo ottobre, sarà in piazza San Francesco presso “Ledicola”, che fino a qualche anno fa  era un chiosco di giornali. E che l’arrivo di Umbria Jazz ha fatto riaprire grazie all’iniziativa dello Zoo di Simona (Edicolarti) suggerendo di farne  un luogo di incontro e al tempo stesso di promozione culturale.  Nasce così “Good news”, installazione site-specific pensata e realizzata da Lucrezia di Canio per quel chiosco di giornali che per mezzo secolo ha informato generazioni di cittadini, e che tornerà a vivere di “buone notizie” lasciando intatta la propria identità. Con "Good news" Lucrezia Di Canio  intende promuovere un’indagine sul mondo dell’informazione contemporanea che si concretizza nella raccolta di una serie di manifesti in cui si leggeranno notizie vere viste o vissute in prima persona. Elemento comune a tutti i titoli stampati sarà la positività  delle news riportate, con l’obiettivo di comunicare ciò che non viene diffuso solitamente dai quotidiani.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA