Giro d'Italia a Foligno e Perugia, fatto il sopralluogo
Arrivo in via Nazario Sauro e partenza da piazza IV Novembre

Giovedì 11 Febbraio 2021
L'arrivo della tappa a Foligno nel 2014

PERUGIA - Un altro passo avanti verso il Giro d’Italia. Ieri mattina gli organizzatori di Rcs Sport hanno effettuato il tradizionale sopralluogo sia a Foligno(sede di arrivo di tappa) che nell’acropoli visto che Perugia sarà sede di partenza. La carovana muoverà verso la Toscana pera la tappa dedicata ad Alfredo Martini (arrivo a Montepulciano secondo le ultime indiscrezioni) da piazza IV Novembre con sfilata dei girini lungo corso Vannucci e lunga discesa verso Ellera dove sarà posto il chilometro zero della tappa.
Al sopralluogo oltre allo staff della Rcs sport, anche l’assessore alo Sport Clara Pastorelli, la polizia municipale e gli uomini del cantiere comunale.
Il sopralluogo è servito per verificare come piazzare il villaggio di partenza, come far avvicinare i pullman delle ventitrè squadre che si contenderanno il Giro e per gestire l’afflusso delle ammiraglie al seguito. Il palco per la firma di partenza in piazza IV Novembre da cui puoi muoverà la carovana. Naturalmente grande attenzione anche alla parte relativa alla sicurezza. è logico che molto sarà legato all’emergenza Covid. Il Giro è passato per l’esperienza dello scorso ottobre, la macchina è rodata ed eventuali restrizioni per l’accesso del pubblico nella zona dei corridori sarà legata all’andamento della pandemia.
Ieri mattina sopralluogo anche a Foligno dove è previsto l’arrivo (lungo via Nazario Sauro sede fissa, oramai, degli arrivi folignati) della tappa che dovrebbe partite da L’Aquila. Per l’Umbria si tratterebbe di una tre giorni di grande ciclismo visto che l’arrivo a Foligno è previsto il 18 maggio, poi il giorno successivo ci sarebbe il riposo e il 20 la partenza della tappa da Perugia verso la Toscana. Grane sport, ma anche occasione di spinta economica vista i 1300 della carovana che resteranno in zona tre giorni.
L’ultima presenza della corsa nel capoluogo il 1 giugno 1985 con l’Aquila-Perugia vinta da Kiefel (terzo posto per Francesco Moser che quell’anno indossava il numero 1 di vincitore dell’edizione precedente), con Hinault in testa alla classifica. L’ultima volta del grande ciclismo in città fu dieci anni fa con l’arrivo della terza tappa della Tirreno-Adriatico partita da Terranuova Bracciolini che si concluse lungo viale Perari e fu vinta in volata dall’argentino Juan Haedo. C’è attesa per quest’anno, ma Foligno e Perugia guardano al 2022. C’è un’intesa di massima tra Rcs e le due città con in prima fila i sindaco Stefano Zuccarini e Andrea Romizi per far arrivare la carovana rosa anche il prossimo anno. Altre giornate umbre che potrebbero vedere dentro anche Terni. In particolare su Foligno e Perugia torna di moda la cronometro che, in un primo momento, era stata ipotizzata per quest’anno. Soluzione poi messa da parte per scelta tecnica che potrebbe essere rispolverata per l’edizione del Giro 2022.

© RIPRODUZIONE RISERVATA