Cessioni sospette, bufera sul Perugia: deferiti Santopadre e Goretti

Venerdì 8 Giugno 2018
Santopadre e Goretti (FOTO GRIFOPRESS)
PERUGIA - Bufera sul Perugia. All'indomani del prolungamento del contratto per il direttore tecnico, Roberto Goretti, dalla Figc arriva la notizia che lo stesso Goretti e il presidente Massimiliano Santopadre sono stati deferiti e di conseguenza, essendo coinvolti il presidente e un dirigente, anche il club di Pian di Massiano è stato deferito dalla procura federale al tribunale nazionale sezione Disciplinare per responsabilità diretta.

Assieme al Perugia e ai due dirigenti, sono stati deferiti l'Atalanta e il suo presidente Percassi oltre al direttore sportivo Sartori. Il motivo è nella cessione del difensore Mancini e del portiere Santopadre (figlio del presidente) dal Perugia all'Atalanta a gennaio 2017. Secondo la procura federale, Perugia ed Atalanta avrebbero concordato la cessione Mancini a un valore considerato troppo basso rispetto alle valutazioni di mercato e invece il portiere sarebbe stato sopravvalutato rispetto ai valori di mercato.

Parte interessata in questa vicenda è la Fiorentina, che viene considerata parte lesa, dal momento che il Perugia nell'agosto del 2016 al momento della cessione definitiva di Mancini dai viola al Grifo i due club avevano stipulato un accordo che prevedeva un premio di valorizzazione pari al 50 per cento, è scritto nel comunicato della Figc, «dell'importo del prezzo di rivendita».

Quali scenari? Quello che spaventa la tifoseria è il coinvolgimento diretto della società. Allo stato attuale le ipotesi in campo vanno da quella peggiore di una eventuale penalizzazione a quella, decisamente più lieve, di una multa con squalifica dei dirigenti. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma e i turisti ignoranti

di Pietro Piovani