Alberto Angela fa tremare Maria de Filippi. Mediaset: «No comment»

Lunedì 30 Settembre 2019 di Ilaria Ravarino
3
Alberto Angela fa tremare Maria de Filippi. Mediaset: «No comment»

A forza di perdere battaglie, alla fine il soldato Alberto Angela ha vinto la guerra. È un risultato a suo modo storico quello portato a casa nel weekend da Rai1, che con il programma Ulisse Il Piacere della Scoperta ha vinto la sfida del sabato sera contro Amici Celebrities di Maria De Filippi. Una vittoria ai punti - 3.614.000 spettatori e il 20% di share Ulisse, 3.066.000 spettatori e il 19.45% di share Amici che spezza il dominio incontrastato dell'intrattenimento pop sulla cultura.

Ascolti, Ulisse batte Amici Celebrities: Alberto Angela conquista il pubblico del sabato sera

I NUMERI
Appena un anno fa, per dire, la stessa sfida si era conclusa a numeri inversi: mandato a schiantarsi contro la corazzata Tu si que vales, il programma di Angela superava a malapena i tre milioni, abbondantemente battuto dai siparietti di Belèn Rodriguez e Iva Zanicchi. E così, ieri mattina, la notizia dello storico sorpasso ha colto di sorpresa un po' tutti. «Il sabato sera di servizio pubblico con Ulisse vince, e riempie l'intera Rai di orgoglio e soddisfazione sono state le parole dell'amministratore delegato Rai Fabrizio Salini, primo a commentare il risultato Ringraziamo Alberto Angela e tutta la sua squadra di lavoro. E grazie a tutti i nostri telespettatori». Ha parlato di trionfo anche la direttrice di Rai1 Teresa de Santis, spingendosi nell'euforia a definire Ulisse «un grande romanzo pop, colto e insieme profondamente comunicativo, creato ad arte dalla maestria di Alberto Angela».
 


Quanto ad Angela, passato da divulgatore a maestro nell'arco di un sabato sera, la sua reazione è arrivata per ultima. «È un risultato magnifico. Il giusto riconoscimento del lavoro di un gruppo straordinario e di un'azienda che ha creduto che l'impossibile fosse possibile, e cioè che la cultura potesse andare in prima serata, di sabato, su Rai1 ha detto Perché è successo? La risposta è attorno a voi: la ricchezza del nostro Paese, in tutte le città e in tutti i secoli. In Italia si è sviluppata una cultura della cultura che spiega in parte i risultati di sabato. Ed è un valore che dobbiamo a tutti i costi proteggere». Chissà dov'era la cultura della cultura lo scorso anno, quando quasi cinque milioni di telespettatori rimanevano incollati su Canale 5 a guardare un concorrente infilarsi nel cestello della lavatrice di Tu si que vales. Altri tempi, altri programmi. Da Mediaset, dove la parola d'ordine è il no comment, filtra infatti il malumore per una vittoria ritenuta marginale e ottenuta contro un programma, Amici Celebrities, ancora in fase di rodaggio.

LA STELLA
Di certo lo spin-off di Amici di Maria De Filippi, in onda dal 21 settembre, non è nato sotto una buona stella, se si considera che lo schiaffo di Angela è arrivato 24 ore dopo quello assestato da Milly Carlucci, che a fine settimana accusava De Filippi di «usare tratti distintivi propri» del suo Ballando con le stelle.

Se la verità sta nel mezzo, è probabile che a favorire la vittoria di Ulisse sia stata una somma di cause, tra cui l'inedita debolezza del format avversario e la forza di un personaggio, Leonardo Da Vinci, che nel programma di Angela veniva accompagnato dalle performance di Roberto Benigni e Gigi Proietti. Ma un risultato simile era stato segnato da Ulisse già sabato scorso, quando nel primo round contro Amici aveva radunato davanti allo schermo un maggior numero di spettatori (3.502.000 contro 3.274.000), pur perdendo la sfida in sovrapposizione. Comunque la si voglia vedere, insomma, sia che si tratti di una crepa sinistra nell'impero di De Filippi, o del trionfo della divulgazione intelligente nell'era delle fake news, quello messo a segno da Angela è un colpo che avrà ripercussioni. Palla al centro in attesa di sabato prossimo, quando a sfidare la De Filippi sarà un'altra Maria, l'Antonietta di Francia, protagonista della terza puntata di Ulisse.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma