Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il copyright arriva sul web. Contenti gli editori: «Un duro colpio alla pirateria»

Il copyright arriva sul web. Contenti gli editori: «Un duro colpio alla pirateria»
di Michele Di Branco
3 Minuti di Lettura
Venerdì 13 Dicembre 2013, 13:56 - Ultimo aggiornamento: 17 Dicembre, 13:48
​Un duro colpo alla pirateria digitale. Lo ha sferrato ieri l’Agcom, non senza qualche strascico polemico, approvando all’unanimit il regolamento per la tutela del diritto d’autore su Internet. Un testo che, di fatto, introduce per la prima volta in Italia un meccanismo di protezione del copyright on line per combattere il traffico illegale di file di natura culturale. Film, giochi, musica, libri: una enorme materiale elettronico originale che naviga in rete senza controllo danneggiando gli autori e causando milioni di danni. «Il regolamento – si legge in una nota del garante – tiene conto delle osservazioni emerse nel corso di un’ampia consultazione dei soggetti interessati, assegna carattere prioritario alla lotta contro le violazioni massive e non riguarda gli utenti finali, per cui non incide in alcun modo sulla libertà della rete». L’autorità sulle comunicazioni guidata dal presidente Marcello Cardani ha già incassato il via libera della commissione europea e le disposizioni entreranno in vigore dal 31 marzo 2014.



IL CAMBIAMENTO

Ma cosa cambia rispetto ad oggi? Il regolamento assegna all’Agcom una funzione di arbitro rispetto alle controversie relative a presunte violazioni del diritto d’autore sul web. Il procedimento scatta con la presentazione di un'istanza da parte del titolare del diritto. Pertanto, l'autorità non si comporterà come uno sceriffo e non agirà d’ufficio, il che esclude che i provider siano chiamati a svolgere un'attività di monitoraggio della rete. Rapidissimi i tempi: entro 5 giorni dall’apertura dell’istruttoria sia l’uploader (il titolare dei server che conservano i file) che i gestori delle pagine che consentono ai navigatori di scaricare il contenuto dovranno presentare controdeduzioni difensive oppure procedere, nel giro di tre giorni, alla rimozione del contenuto incriminato interrompendo così la procedura avviata dal titolare del copyright.



LE SANZIONI

Severe le sanzioni per chi viola le regole. Si va dalla rimozione selettiva dell’ “opera digitale” che viola il diritto d’autore alla chiusura del sito qualora la violazione sia considerata eccessiva. La riforma colpisce anche nel portafogli: in caso di trasgressione rispetto all’ordine di rimozione dalla rete è prevista una sanzione pecuniaria compresa tra 10 e 250 mila euro.

L’Agcom ha anche istituito un comitato tecnico formato da rappresentanti di tutti gli stakeholder che avrà il compito di favorire la promozione dell'offerta legale. «La lotta alla pirateria non può limitarsi all’opera di contrasto – ha infatti chiarito l’autorità – ma deve essere accompagnata da azioni positive per creare cultura della legalità».



LE REAZIONI

Soddisfazione per il via libera al regolamento dal mondo dell’industria culturale. Per il presidente della Federazione editori, Giulio Anselmi, l'Agcom «ha optato per una soluzione di grande equilibrio e trasparenza, attraverso la previsione di efficaci misure di enforcement che coniugano perfettamente la difesa della libertà della rete con l'eliminazione di comportamenti parassitari». «È un primo risultato nel segno della legalità, dell’educazione dei consumatori, della valorizzazione dell’industria culturale italiana» ha spiegato il presidente della Siae, Gino Paoli. Via libera anche Confindustria cultura, Confindustria Radio Tv, Anica e Federazione editori musicali. Di diverso orientamento i deputati in commissione trasporti del MoVimento 5 Stelle, secondo i quali il presidente Agcom Cardani, «ha pensato bene di non venire a riferire sulla materia nella sede istituzionale referente: si tratta di uno schiaffo al parlamento». Critiche anche dal Pd: «L’Agcom non ha atteso il varo di una legge, con una decisione che crea dubbi di carattere formale» ha polemizzato Vincenzo Vita.