Vitruvian game: pubblico in coda per provare l'attrazione che simula una tuta alare in realtà virtuale

Sabato 2 Dicembre 2017 di Federica Macagnone

È una delle attrazioni più ricercate di questa quinta edizione della Maker Faire. Si tratta di Vitruvian Game, l’innovativa tecnologia che realizza due fondamentali intuizioni di Leonardo da Vinci: il volo e il canone vitruviano. Il tutto in un giroscopio applicato alla realtà virtuale. 

La nuova tecnologia, che permette di rendere ancora più immersiva e interattiva la realtà virtuale, permette di simulare in maniera iper realistica il volo con una tuta alare. Con una novità assoluta: la possibilità da parte dell'utilizzatore di avere i comandi in mano e decidere la propria direzione di volo. 

Ma non si tratta solo di un “gioco”. «Abbiamo portato a Roma una intera squadra di innovatori che stanno applicando le nuove tecnologie ad elementi molto concreti dell’attività imprenditoriale - dichiara Paolo Moro, anima del FabLab Network - Lo stesso Vitruvian Game non è solo un gioco, ma è stato prima laboratorio per l’ibridazione tra saper fare artigiano e nuove tecnologie, e ora è strumento per l’applicazione della realtà virtuale a numerosi ambiti di ricerca».
 

Ultimo aggiornamento: 3 Dicembre, 14:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

In ospedale c'è posto per Fido

di Marco Pasqua

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma