Djokovic lancia la sfida: 1'45" in un torrente gelato

Giovedì 20 Febbraio 2020
Un minuto e quarantacinque secondi immerso in un torrente gelato, in Trentino, e Djokovic lancia la #Nolechallenge. Con un video postato sul suopossibilè profilo Instagram, il tennista serbo recente vincitore degli Australian Open invita tutti i suoi follower a provare, ma solo dopo essere «mentalmente preparati». «Io e Costantino siamo sopravvissuti a questo ruscello di montagna per 1 minuto e 45 secondi .. la mentalità è tutto - spiega Djokovic, riferendosi all'amico col quale è riuscito nell'impresa, coperto solo da un pantaloncino da bagno e un paio di scarpe da piscina - La pratica dei bagni di ghiaccio sembra folle, lo so. ma è davvero utile per allenare la mente e il corpo. Attraverso varie tecniche (come la respirazione) possiamo calmarci abbastanza da affrontare condizioni estreme come questa e combattere più efficacemente lo stress quotidiano nella nostra vita. Uso i metodi di Wim e li trovo utili per la mia vita in generale». «Mente sulla materia. Cervello sul corpo». «Consiglio a tutti di esplorarlo e speriamo di affrontare questa sfida». Il riferimento è a Wim Hof, atleta estremo olandese che sfida il gelo e teorizza il potere della volontà sul fisico. Di qui la sfida lanciata da Djokovic. Per »coloro che osano«, serve un specchio d'acqua ghiacciata, di inverno, all'aperto: e a corpo nudo entrare per almeno metà del corpo e restare almeno 1 minuto. «Assicurati di fare le tue ricerche e prepararti in quanto ciò può essere piuttosto pericoloso se non segui le linee guida di Wim» Ultimo aggiornamento: 15:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Zero pubblico, il Bioparco pensa ai fondi

di Marco Pasqua