CORONAVIRUS

Coronavirus, Fognini: «Mi manca il tennis, ma tornerò solo quando sarà sicuro»

Mercoledì 15 Aprile 2020

«Il tennis mi manca, è più di un mese che non gioco. La sospensione durerà fino al 7 giugno? Lo spero, ma la vedo molto molto grigia». Lo dice a Rai Radio1, ospite di 'Un Giorno da Pecorà, il tennista Fabio Fognini, ospite della trasmissione insieme alla moglie Flavia Pennetta. Ieri la fuoriclasse del nuoto Federica Pellegrini ha fatto presente come, per quanto riguarda il ritorno alla normalità, in ambito sportivo si parli solo di calcio e non degli altri sport: che ne pensa Fognini? «Posso esser d'accordo con Federica - risponde -. Capisco che si parli solo di calcio e gli altri sport vengano un pò messi da parte, però forse in questo momento è un bene che il mio sport sia un pò messo da parte, per le tragedie che continuano ad accadere. Il mio pensiero e che si ricominci a giocare quando tutto sarà finito». Quindi anche se si ricominciasse, Fognini se non si sentisse sicurò non parteciperebbe? «Sicuramente no. Lo faccio perché ho una famiglia, non sono più solo, ho più preoccupazione per loro che per me». Flavia Pennetta racconta invece che «i primi dieci giorni di quarantena Fabio era insopportabile, lui è abituato a stare fuori di casa, a vivere negli hotel, e a casa si è sentito un pò scombussolato. Io però sono felicissima di averlo a casa, è la prima volta che nella nostra vita di coppia abbiamo una quotidianità che non avevamo mai vissuto». La coppia Fognini-Pennetta, quindi, esce rafforzata o indebolita da questo lockdown familiare? «Le cose sono due - scherza Flavia -: o esci di nuovo incinta oppure, come pare sia successo in Cina, divorzi....

© RIPRODUZIONE RISERVATA