CORONAVIRUS

Federer: «Non ho stimoli per allenarmi. Giocare a porte chiuse? Spero di no»

Sabato 23 Maggio 2020

Roger Federer fa tremare i propri tifosi sparsi in giro per il mondo. «In questo momento non mi sto allenando e non vedo motivi per farlo. Sono contento del mio fisico e credo che manchi ancora molto per tornare a giocare. Ora il tennis non mi manca. Quando il ritorno sarà vicino e avrò un obiettivo per allenarmi sarò super motivato». Insomma, non si parla di ritiro ma le parole sulle motivazioni del fuoriclasse di Basilea lasciano pensare, specie in una fase della carriera in cui l'aspetto mentale è decisivo per compensare la minore brillantezza fisica.

LEGGI ANCHE--> La sfida di Djokovic: «Voglio battere il record di Slam di Federer»

«Da quando mi sono operato nel 2016 non ero mai stato a casa cinque settimane di seguito - ha raccontato lo svizzero nel corso di una diretta social con Gustavo Kuerten raccolta da Globoesporte. Parlando poi della possibilità dei tornei a porte chiuse Federer non è sembrato molto entusiasta: «Non riesco a immaginare di giocare in un campo vuoto e spero che non succeda. Speriamo di poter tornare a giocare nelle condizioni migliori, con almeno la metà degli spettatori sugli spalti. Sarebbe molto difficile per me disputare un grande torneo a porte chiuse».

Ultimo aggiornamento: 12:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani