Challenger Atp di Napoli, il romano Moroni e il top 100 mondiale Travaglia guidano la carica degli azzurri

Challenger Atp di Napoli, il romano Moroni e il top 100 mondiale Travaglia guidano la carica degli azzurri
di Marco Lobasso
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 29 Settembre 2021, 18:30

La carica degli italiani al Challenger Atp di Napoli. Sono ben nove nell’entry list della Tennis Napoli Cup che torna nel calendario mondiale dal 3 al 10 ottobre prossimo dopo cinque anni di pausa. A guidare la pattuglia degli azzurri un top cento, Stefano Travaglia, numero 2 dell’entry list alle spalle dello spagnolo Carballes Baena. Ma non solo, tra i primi della lista l’ex top 100 Atp Alessandro Giannessi e poi l’atteso tennista romano Gianluca Moroni, che dopo i bei risultati di questa estate appena finita, entra di diritto tra i favoriti della vittoria di un torneo che in passato è stato conquistato da campioni come l’ex numero 1 mondiale Juan Carlos Ferrero, dal top ten Richard Gasquet, da Potito Starace. Proprio lunedì scorso Moroni, cresciuto tennisticamente al TC Parioli, ha conquistato il suo top ranking mondiale, al numero 205 e a Napoli punta a battere ancora questo record, dopo aver vinto nei mesi scorsi il Challenger di Milano e raggiunto la finale a Como.

Nell’entry list gli altri azzurri restano comunque possibili protagonisti. In particolare il napoletano Lorenzo Giustino che proprio nella sua città vuole centrare la prima vittoria di stagione dopo la recente semifinale a Siviglia; poi l’emergente Franco Agamenone, argentino ma ormai italiano a tutti gli effetti che a 28 anni punta diritto a volare in pochi mesi nei top 100 del mondo e che ha vinto tanto in questo 2021.  Poi, Andrea Pellegrino e Filippo Baldi. E ancora, i talenti emergenti di Giulio Zeppieri e Flavio Cobolli, entrambi 19 anni, e grandi promesse del tennis italiano, sulla scia di Lorenzo Musetti e di Jannik Sinner.

“Poco tempo fa anche nell’entry list dei tornei Challanger era difficile trovare in gara molti italiani, adesso ce ne sono in quantità e tutti competitivi - spiega il direttore della Tennis Napoli Cup Angelo Chiaiese -, il segno che il tennis italiano ha messo la quinta non solo tra big ma anche sui talenti che sono alle loro spalle. Nove azzurri nell’entry list, talenti come Zeppieri e Cobolli, che a mio giudizio presto saranno al livello del top 60 Atp Musetti, giocatori esperti e di qualità come Travaglia, Moroni e Giannessi, rappresentano il biglietto da visita di questo torneo napoletano che riporta il grande tennis in città, come Napoli merita”.

L’ingresso alla Tennis Napoli Cup che si disputa sui campi del TC Napoli sarà gratuito dal 3 all’8 ottobre compreso, poi per semifinali e finali del 9 e 10 ottobre prezzo unico del biglietto di 10 euro. Al torneo rappresentate 14 nazioni con centinaia di ospiti in città, tra giocatori, coach, manager, addetti ai lavori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA