Tottenham-Liverpool 0-2: trionfo Reds dopo 14 anni con Salah e Origi

Sabato 1 Giugno 2019 di Salvatore Riggio
2
Salvataggio di Alisson

Salah e Origi regalano la sesta Champions League al Liverpool, che a Madrid vince 2-0 contro un ottimo Tottenham, rimasto in partita fino al minuto 88 e che nella sua strada ha trovato un grande Alisson. Così nel successo di Jurgen Klopp, che in un colpo solo dimentica tutte le delusioni per le sue sei finali perse, c’è un po’ di Roma.

Alisson appunto, che mantiene la sicurezza necessaria per tenere a galla i Reds (e che l’11 dicembre 2018 aveva ipnotizzato Milik eliminando di fatto il Napoli), e Salah decisivo già al 2’ con il rigore trasformato (è il secondo gol più veloce della storia delle finali di Champions: il primo è sempre quello di Maldini nel 2005, segnato proprio ai Reds). Lui che l’anno scorso a Kiev, il 26 maggio 2018, era stato quello che aveva versato più lacrime. Perché quella finale l’aveva giocata soltanto mezz’ora per colpa di un intervento bello duro di Sergio Ramos, che gli aveva compromesso anche la sua partecipazione al Mondiale di Russia con la maglia del suo Egitto.

Sexy invasione di campo durante la finale

Vince il Liverpool 14 anni dopo l’ultimo successo a Istanbul (contro il Milan), nonostante il Tottenham giochi una buona gara, creando diverse occasioni per trovare il pareggio. Arrendendosi poi soltanto al minuto 88, quando Origi - sempre più uomo dei gol pesanti - firma il 2-0 e chiude ogni discorso di rimonta.

LEGGI LA CRONACA

Ultimo aggiornamento: 3 Giugno, 12:59


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

I lucchetti di Ponte Milvio si aprono con le chiavi di Villa Pamphili

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma