Serie B, Balata: «Prematuro parlare di un nostro appoggio ad Abete»

Mercoledì 16 Maggio 2018
«Oggi siamo stati qui come spettatori. Porteremo in assemblea lunedì le riflessioni fatte, abbiamo ringraziato per l'invito tutti i presidenti delle altre componenti. Se la Lega di B farà parte di questa cordata? Mi sembra prematuro parlarne». Lo dice il presidente della Lega B, Mauro Balata, dopo anzitempo dall'incontro in corso a Roma delle componenti federali (Lnd, Lega Pro, Aic e Aia) determinate a candidare Giancarlo Abete alla presidenza della Figc in modo da porre fine al commissariamento di Roberto Fabbricini. «Il presidente Abete è un galantuomo e una persona di grande equilibrio - ha proseguito Balata - così come il commissario Fabbricini, ma sarà l'assemblea a fare valutazioni politiche e in quella sede decideremo. Noi in questo momento stiamo riflettendo su temi molto delicati e importanti come le seconde squadre, siamo interessati a temi concreti per il futuro del mondo del calcio». Tra i temi che più scaldano i cuori dei presidenti della lega cadetta, spicca la riforma sulle seconde squadre che andrà in regime già dalla prossima stagione con la possibilità di coinvolgere la B in caso di promozione di una seconda squadra dalla Serie C. Su questo, si era anche parlato di un rischio di blocco del campionato, che per il presidente del Coni potrebbe comportare il commissariamento della Lega e che ora lo stesso Balata sembra escludere: «Non ne parliamo - chiosa il numero uno della Lega di B - ma c'è una forte e totale contrarietà da parte delle nostre società. È un progetto che andava affrontato con maggiore approfondimento. Ci sono delle riflessioni in corso, abbiamo sentito anche le dichiarazioni del presidente Malagò e vedremo cosa succederà. Io in ogni caso ho il dovere di tutelare le mie società». © RIPRODUZIONE RISERVATA