ROMA

Roma, è Diawara la piacevole sorpresa di San Siro

Venerdì 6 Dicembre 2019 di Alessandro Angeloni
1
dal nostro inviato
MILANO La caramella concessa da De Laurentiis in cambio di Manolas. Ecco cosa era Diawara, un po’ per tutti. Quante se ne sono dette in quel periodo, e tutti pensieri, alla fine, non erano nemmeno così lontani dalla realtà/verità. La Roma si è trovata Diawara, diciamo, un po’ per necessità e un po’ per scelta. Ora questo ragazzo sta facendo fare inversione a U a tutti quei cattivi pensieri, merito suo naturalmente e did Fonseca che, rispetto a Sarri e Ancelotti, gli sta dando fiducia e lo sta costruendo. E non era partito nemmeno troppo bene, l’avventura era cominciata in salita: poche presenze, l’infortunio al menisco, l’assenza, il rischio di finire nel dimenticatoio proprio perché, senza di lui, Fonseca aveva piazzato al centro del centrocampo Mancini, e la Roma stava andando alla grande. Ma Paulo lo ha studiato, ha capito che il possesso palla poteva passare tranquillamente tra i suoi piedi. Gli ha concesso tutta la sua fiducia e gli ha trasmesso coraggio. Diawara tocca il pallone con grazia, contrasta come un medianaccio. Fa quel che deve fare. Obiettivamente, sta facendo il suo e anche di più. A San Siro era la prova di maturità: tante assenze nella Roma, che aveva davanti una grande squadra. Lui? Per niente impaurito, ha gestito il gioco, il ritmo partita, ha dettato tempi, specie nel dominio del possesso nella prima frazione. Ha fatto il tenore. Siamo sorpresi. Piacevolmente sorpresi. 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Botte per buttare i sacchetti e le dispute rabbiose sul web

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma