Roma, Diawara ora ci ripensa. Possibile l'addio. Oggi l'incontro

Roma, Diawara ora ci ripensa. Possibile l'addio. Oggi l'incontro
di Stefano Carina
2 Minuti di Lettura
Giovedì 27 Gennaio 2022, 10:57 - Ultimo aggiornamento: 28 Gennaio, 09:30

Il D-day è arrivato, dove D sta per Diawara. Il guineano è atteso di rientro oggi dalla coppa d'Africa dove la sua nazionale lunedì è stata eliminata dal Gambia di Darboe. Ad accompagnarlo a Trigoria sarà il suo agente, Daniele Piraino. Rispetto a qualche giorno fa, l'intransigenza del ragazzo di restare sino al termine della stagione si sta affievolendo. Amadou ha capito che con gli arrivi di Sergio Oliveira e Maitland-Niles (che all'occorrenza può giocare anche mediano) lo spazio si è ulteriormente ridotto. Vien da sé che restare equivarrebbe a perdere 6 mesi che sommati ai primi 6 dove ha visto il campo ben poco (8 presenze con 189 minuti in campionato e 138 in Conference League) si tradurrebbe in un anno perso. Le pretendenti ci sono anche se un paio, probabilmente le più appetibili, si sono già defilate. Il Torino ha preso Ricci (Empoli), il Valencia - dopo aver fatto un tentativo per Ndombele - sembra aver virato su Moriba (Lipsia). Rimangono la Samdporia (che intanto si è cautelata con Sensi), il Venezia e il Cagliari (che però ha già preso Baselli). Da valutare le opzioni estere del Galatasaray e del Fulham. Club, che al di là di quello inglese, per prendere il centrocampista in prestito chiedono un aiuto alla Roma sullo stipendio. Diawara, infatti, guadagna 2,2 milioni più bonus. Tradotto: da qui sino a giugno dovrà percepire più o meno un milione. Ingaggio fuori portata per la metà dei club di serie A e non solo. Se si riuscirà a trovare una via d'uscita che possa soddisfare Pinto e il ragazzo, a Trigoria verrà lanciato l'assalto in extremis ad un centrocampista.
IL SOSTITUTO
Il toto-nomi ogni giorno si arricchisce. Una volta Kamara, un'altra Ndombele, il sempre-vivo Xhaka. Profili che da Trigoria continuano a smentire categoricamente e quotidianamente. A questo punto l'impressione è che Pinto abbia un calciatore tenuto nascosto da tirare fuori al momento giusto. Danilo del Psg, ad esempio, è un elemento che l'eventuale approdo di Ndombele a Parigi potrebbe rendere appetibile. L'ex Porto ha il contratto in scadenza nel 2024 e ha giocato in coppia con Sergio Oliveira nei Dragoes. Mourinho lo conosce molto bene ed è il mediano che nella rosa sembra mancare. Monitorata, tra le tante, anche la situazione di Nandez, molto vicino alla Juventus che tuttavia per prenderlo deve far uscire uno tra Arthur (Arsenal), Bentancur (Aston Villa) e Ramsey (Crystal Palace). L'operazione verrebbe incontro alle possibilità di spesa della Roma: prestito per 2 milioni e riscatto fissato a 10, 12 o 15 milioni a seconda delle presenze e dei traguardi raggiunti dal club in stagione. Manca poco alla dead-line del 31 gennaio e ormai è diventata una corsa contro il tempo. Anche per Fazio: il difensore è vicinissimo alla Salernitana. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA