Portogallo-Marocco 1-0. E' sempre
Ronaldo a far grandi i lusitani

Mercoledì 20 Giugno 2018 di Alfredo Spalla

Si attendeva una conferma delle ambizioni mondiali di Cristiano Ronaldo e compagni, ma, nell’1-0 contro il Marocco, il Portogallo fa un passo indietro rispetto all’esordio con la Spagna. Il colpo di testa, al 4’ del primo tempo, di Cr7 consente agli uomini di Santos di poter preparare con tranquillità l’ultima gara con l’Iran, impegnato alle 20.00 contro la Spagna. Il Portogallo si porta a 4 punti, mentre il Marocco saluta i Mondiali fra rimpianti e molte polemiche. 
La cattiva partita del Portogallo è tutta nell’esultanza di Pepe per un tiro deviato al 90’, che poi pensa bene di gettarsi a terra in seguito a una pacca sulla spalla di Benatia. C’è Ronaldo sì, capocannoniere solitario del Mondiale, ma c’è soprattutto Rui Patricio, in una partita in cui è soprattutto il Marocco a prendere l’iniziativa.

Guedes, al fianco di Ronaldo nel 4-4-2, incide poco così come Joao Mario. E quando Ronaldo, nel finale, rimane isolato, l’iniziativa offensiva dei portoghesi si riduce ai minimi termini. La nazionale di Renard cerca il pareggio e il sostegno del Var in più di un’occasione, ma allo statunitense Mark Geiger non arrivano segnalazioni per rivedere le decisioni. Il duello Benatia-Ronaldo, remake dell’ultima Champions, segna un’altra sconfitta per lo juventino. Ronaldo brilla ancora, ma la squadra non le segue. Lui intanto segna un altro record: con l’85° gol in nazionale supera l’ungherese Puskas (84), diventando il miglior marcatore di sempre in una nazionale europea.

RILEGGI LA DIRETTA

 

Ultimo aggiornamento: 20:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA