Platini: «Il Pallone d'Oro? Quest'anno
decisione più difficile della storia»

Platini: «Il Pallone d'Oro? Quest'anno decisione più difficile della storia»
2 Minuti di Lettura
Martedì 3 Dicembre 2013, 12:57 - Ultimo aggiornamento: 14:01

Esaurito l'argomento Pallone d'Oro, il presidente dell'Uefa affronta alcuni temi caldi legati al mondo del

calcio, a partire dalla questione delle scommesse illegali. «Questo è un problema che mina la sopravvivenza del calcio stesso perchè se si gioca un match truccato e già segnato, il nostro sport è finito -spiega Platini- Il razzismo è un caso diverso, perchè si tratta di qualcosa che viene da fuori e si manifesta negli stadi. È un fenomeno che dobbiamo combattere tutti assieme, compresa la stampa. Il razzismo non va combattuto solo all'interno degli stadi».

L'ex giocatore della Juventus commenta anche la tassa del 75% in discussione in Francia per chi supera un reddito di un milione di euro l'anno: «È una legge nazionale molto popolare, non c'è nulla di più popolare che chiedere i soldi ai ricchi».

Infine un chiarimento sulla sua posizione sulla tecnologia in campo a cui Platini preferisce un maggior coinvolgimento degli arbitri. «Sono

convinto che gli occhi di un arbitro vedono cose che una macchina non vede. Non ho aperto alla tecnologia sui gol fantasma perchè poi si passerà all'utilizzo della tecnologia per decidere sui calci di rigore, ai fuorigioco e via di seguito -chiarisce Platini- In Francia è stata introdotta la tecnologia elettronica nel rugby ed è stato un disastro. Fermare il gioco per vedere se la decisione dell'arbitro è corretta può creare nervosismo in campo e sugli spalti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA