Milan all'esame Juventus. E Pioli difende De Ketelaere: «Non è un mistero, ricordo le critiche a Tonali e Leao...»

La vigilia del big match di San Siro

Milan all'esame Juventus. E Pioli difende De Ketelaere: «Charles non è un mistero»
di Salvatore Riggio
2 Minuti di Lettura
Venerdì 7 Ottobre 2022, 12:23 - Ultimo aggiornamento: 12:32

La batosta di Champions si fa sentire, eccome. Il Milan deve ripartire già dalla sfida di San Siro contro la Juventus. Stefano Pioli recupererà soltanto Theo Hernandez tra i giocatori infortunati. Non ci saranno, quindi, Maignan e Kjaer e i quattro – Calabria, Florenzi, Ibrahimovic e Saelemaekers – che rientreranno nel gennaio 2023. «Se Theo confermerà il suo miglioramento, sarà a disposizione e dovrebbe essere così», ha detto il tecnico rossonero.

La sconfitta con il Chelsea

E analizzando la disfatta di Stamford Bridge: «Sarebbe stato meglio giocare meglio col Chelsea, ma le motivazioni ci sono a prescindere dall’avversario. Non abbiamo giocato come sappiamo. Siamo tutti responsabili, io in primis. In generale, abbiamo subito qualche gol di troppo. Si può fare meglio, assolutamente sì. Il Chelsea è stato bravo a sfruttare i nostri errori, dobbiamo commettere meno ingenuità. Però, io sono convinto di avere una squadra molto forte, che lavora e si impegna. E sappiamo che dobbiamo proseguire il nostro cammino».

Pioli difende De Ketelaere

Sta deludendo De Ketelaere, ma Pioli difende: «Non sono d’accordo con le critiche state facendo a Charles. Ha davanti a sé un grande futuro. Io sono soddisfatto di quello che sta facendo. Molti criticavano Rafael Leao o Tonali negli anni passati. Però, De Ketelaere è un giocatore di talento che ha bisogno di tempo, il percorso intrapreso è quello giusto. Quindi, per noi Charles non è un mistero». Resta il fatto che c’è un gap in Champions da colmare: «Ripenseremo al Chelsea domenica mattina. Ora pensiamo alla Juventus. Ci saranno le difficoltà. Non dimentichiamoci la loro mentalità e le loro prestazioni».  

© RIPRODUZIONE RISERVATA