Il Milan ha finito i bonus per la Champions: da adesso è vietato sbagliare

Domenica 21 Aprile 2019 di Salvatore Riggio
Gattuso
Cinque punti nelle ultime sei gare. Una sola vittoria, quella sì importantissima contro la Lazio. Un cammino non da quarto posto. Eppure, il Milan è ancora lì. In attesa dell’Atalanta, che giocherà domani col Napoli e che in caso di vittoria aggancerà i rossoneri, la squadra di Rino Gattuso si ritrova in piena corsa Champions. Ma il pareggio di Parma è un risultato diverso rispetto ai passi falsi delle scorse settimane (il trend negativo è iniziato il 21 marzo, giusto un mese fa, con la sconfitta nel derby contro l’Inter). Perché si ha la sensazione che il Milan al Tardini abbia esaurito tutti i bonus possibili. Alla prossima frenata, i rossoneri rischieranno di naufragare davvero. In primis, perché è questo il momento più cruciale della stagione e l’Inter dell’anno scorso insegna, visto che la qualificazione in Champions era arrivata all’ultima giornata nella vittoria all’Olimpico contro la Lazio; in secondo luogo, perché viene davvero difficile pensare che Roma, Atalanta, Lazio e Torino possano lasciare ancora punti per strada. Infine, terzo motivo, perché domenica 28 aprile il Milan giocherà in casa dei granata di Walter Mazzarri, consapevoli di essere a pochi passi dalla storia, da un risultato inatteso e che a una settimana dal derby (il 3 maggio) non vorranno fallire. Gattuso sa che non può più sbagliare. Il suo futuro e quello del club dipendono dalla Champions. L’Uefa è in agguato, fa pressing sui rossoneri. Tutto questo può minare la tranquillità del Milan, costretto a lasciarsi alle spalle, fin da subito, l’andamento altalenante in campionato. Mercoledì c’è il ritorno della semifinale di Coppa Italia contro la Lazio (0-0 all’andata). Un banco di prova prima della delicatissima trasferta di Torino. Una gara da dentro o fuori per tutti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La partitella sulla spiaggia: evento top e incubo bagnanti

di Mimmo Ferretti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma