Eurosport e Cio lanciano "In Conversation", dedicata alla squadra olimpica dei rifugiati

Eurosport e Cio lanciano "In Conversation", dedicata alla squadra olimpica dei rifugiati
di Marino Petrelli
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 23 Giugno 2021, 20:19

Il 23 giugno è la giornata olimpica a sostegno del “Cio Refugee Olympic Team Tokyo 2020”, che rappresenta oltre 80 milioni di migranti forzati in tutto il mondo. Per l’occasione, Eurosport, il brand multisport leader di Discovery e Home of the Olympics in Europa, lancia "In Conversation”, una serie esclusiva di interviste che racconterà le storie degli atleti della squadra olimpica dei rifugiati del Comitato olimpico internazionale (Cio) insieme a grandi nomi del cinema, dello spettacolo e dello sport.

Aspettando i Giochi Olimpici di Tokyo 2020 la raccolta di interviste saprà dare voce ai campioni sportivi della squadra degli “Atleti olimpici rifugiati”, 29 atleti selezionati dal Cio per competere ai Giochi di quest'estate. La squadra, composta da giovani provenienti da 11 paesi di tutto il mondo, è stata creata dal presidente Thomas Bach in occasione dei Giochi di Rio 2016. La serie aspira a raccontare le storie di questi atleti dal vissuto unico, per dare un forte messaggio di speranza e resilienza agli oltre 82.4 milioni di migranti forzati nel mondo.

Nella prima puntata, la più giovane ambasciatrice dell'UNHCR, Yusra Mardini, che è stata parte della squadra degli Atleti olimpici rifugiati creata dal Cio ai Giochi di Rio 2016 e che gareggerà a Tokyo 2020, incontra Katie Ledecky, una delle più forti mezzofondiste della storia del nuoto e cinque volte medaglia d'oro ai Giochi Olimpici. Gli episodi successivi vedranno coinvolti i Goodwill Ambassador dell'UNHCR, come l'attrice Nomzamo Mbatha e il calciatore ed ex rifugiato Alphonso Davies, insieme agli Atleti olimpici rifugiati, come Anjelina Nadai Lohalith, la runner dei 1500 metri nata in Sud Sudan e la nuotatrice Alaa Maso, originaria di Aleppo (Siria). "In Conversation" è disponibile da oggi sulle piattaforme Olympics.com, UNHCR e Discovery, tra cui Discovery+ e Eurosport.com.

© RIPRODUZIONE RISERVATA