Euro 2020, Valentina Vezzali: «Mi adopererò perché Roma possa ospitare i match»

Euro 2020, Valentina Vezzali: «Mi adopererò perché Roma possa ospitare i match»
3 Minuti di Lettura
Lunedì 12 Aprile 2021, 14:30 - Ultimo aggiornamento: 15:55

Gli europei di calcio sono un'occasione per l'Italia di ripartire dopo il Covid. Lo ha annunciato questa mattina il sottosegretario allo Sport Valentina Vezzali - a margine di un evento al Coni - commentando la lettera inviata dal presidente della Figc Gabriele Gravina al premier Mario DraghiA cui venerdì è stato chiesto di «prendersi cura della vicenda», in quanto gli Europei di calcio sono «un evento di interesse nazionale», così il numero uno del calcio italiano.

Europei con tifosi, l'esperto di diritto sportivo: «Via libera del governo? Messaggio tempestivo»

Gravina e la Figc insistono infatti perché l'Italia garantisca all'Uefa il regolare svolgimento del torneo, ospitando i tifosi negli stadi; per quanto contingentati in base al distanziamento e alle necessità legate alla pandemia da coronavirus. «Mi adopererò - ha dichiarato oggi Valentina Vezzali - con tutta me stessa affinché possa essere dato il via libera per disputare queste quattro partite in Italia», così Vezzali. Che ha aggiunto: «Gli Europei di calcio sono un'occasione importante per il nostro Paese, possono segnare il rilancio e sottolineare l'importanza di continuare a ospitare eventi importanti come anche tanti altri che stiamo organizzando. Ci stiamo lavorando».

Covid, Europei: Olanda e Spagna aprono gli stadi. San Mames e Johann Cruijff Arena al 25%

La funzione dello sport

Gli Europei di calcio svolgono - per il sottosegretario allo Sport - un'importante funzione sociale: «La chiusura delle palestre e degli impianti sportivi ha messo in evidenza quanto abbiamo sempre sostenuto, ovvero che lo sport è il perno sociale del Paese. Gli effetti negativi sono sotto gli occhi di tutti: come governo ci stiamo adoperando per portare una boccata di ossigeno al settore». Così Valentina Vezzali a margine di un evento al Coni per la presentazione delle sedi Italiane riconosciute Città/Comuni/Comunità Europee dello Sport 2021-2022: «Mi auguro - ha concluso il sottosegretario allo Sport - si possa iniziare a ripartire e rilanciare il nostro movimento: tutti insieme dobbiamo prenderci questo impegno per rimettere in moto e rinnovare il nostro sport», queste le parole del sottosegretario allo Sport.

© RIPRODUZIONE RISERVATA