Nazionale, Mancini: «Armenia, tappa fondamentale e difficile per l'Italia»

Mercoledì 4 Settembre 2019
Roberto Mancini
«Quando si riprende dopo quattro mesi c'è sempre qualche difficoltà, ma se non saremo al cento per cento della condizione fisica, tanto più rispetto alle nostre avversarie, cercheremo di garantire il cento per cento della qualità». Così il ct azzurro Roberto Mancini alla vigilia della sfida contro l'Armenia che definisce «fondamentale» la partita di domani perché «il nostro obiettivo era tagliare il prima possibile il traguardo della qualificazione. La priorità è ricominciare dal secondo tempo contro la Bosnia, da quella mentalità offensiva».

«Sarà una partita difficile - continua il ct - perché loro sono più avanti di noi come condizione, ma vogliamo qualificarci il prima possibile e siamo qui per superare le difficoltà. Abbiamo fatto bene all’inizio e ora ci ritroviamo dopo quattro mesi. La nazionale armena viene da una prestazione ottima in Grecia, ma comunque l’Italia ha sempre faticato qui. Starà a noi fare una grande partita e superarle». Sulla formazione titolare: «Ho un dubbio solo, dieci li abbiamo già scelti». Anche se il tecnico azzurro non lo dice, il ballottaggio è tra Bernardeschi ed El Shaarawy. Ultimo aggiornamento: 19:37


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Gli straordinari delle maestre con gli stracci per pulire l’aula

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma