Daniele De Rossi, una famiglia Magica: pranzo in centro a Roma con la compagna e le figlie

Lunedì 22 Dicembre 2014 di Camilla Mozzetti

Abbigliamento rigorosamente casual per un pranzo in famiglia. Il calciatore della Roma, Daniele De Rossi, ieri, dopo l'anticipo di campionato giocato contro il Milan, ha vestito gli abiti del papà e nel ristorante di Giuseppe Nardiello, a piazza Sforza Cesarini, le sue attenzioni sono state dedicate tutte alla piccola Olivia, la figlia che il centrocampista ha avuto, lo scorso febbraio, dalla compagna,l'attrice Sarah Felberbaum.

La coppia, accompagnata da un'amica e dalla primogenita di De Rossi, Gaia, avuta dall'ex moglie Tamara Pisnoli, ha deciso di approfittare della splendida giornata di sole che ha regalato a Roma un clima tutt'altro che invernale, per gustare all'aperto fiori di zucca, spaghetti cacio e pepe, ananas. Pur cercando, tuttavia, di non destare la curiosità di altri clienti e passanti. Rinomata è, infatti, la riservatezza sia dell'attrice anglo-americana che del giocatore della Magica. La coppia non ama particolarmente ritrovarsi al centro dell'attenzione né finire bersaglio dell'obiettivo dei fotografi. E per questo, l'abbigliamento scelto da entrambi non è stato per nulla casuale.

Un cappello nero di lana a falde, ottimo a nascondere il viso, ha celato l'identità della bella Felberbaum, mentre il centrocampista ha optato per una maxi felpa con cappuccio, semplici jeans e immancabili sneakers. E il pranzo della domenica ha seguito quei piccoli riti e gesti che contraddistinguono ogni famiglia alle prese con i bambini piccoli. De Rossi, infatti, tra un piatto e l'altro, ha dimostrato le sue doti di premuroso papà, spingendo dolcemente il passeggino avanti e indietro, fino a quando baby Olivia non si è addormentata.

Ultimo aggiornamento: 17:33


LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sturni, Stefàno e Frongia: la corsa nel M5S che verrà

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma