Lazio, Lotito a tutto tondo: «Svolgo il mio lavoro con responsabilità. Inzaghi? È già il passato»

Lazio, Lotito a tutto tondo: «Svolgo il mio lavoro con responsabilità. Inzaghi? È già il passato»
di Daniele Magliocchetti
4 Minuti di Lettura
Domenica 22 Agosto 2021, 21:33

Lotito torna a parlare dopo tanto tempo. E lo fa senza risparmiarsi sul mercato, sul futuro della Lazio e su Inzaghi. Il patron biancoceleste, intervenuto ai microfoni di "Novantesimo Minuto" su Rai 2, ha cominciato sulla gara di ieri, la vittoria di Empoli: «La Lazio è una squadra ancora in costruzione, ma mi è piaciuta molto la partita. Abbiamo delle cose che devono essere portate a compimento per creare le condizioni affinché Sarri esprima il suo gioco e ci stiamo provando per mettere il tecnico nelle migliori condizioni di esprimere le sue idee. Promesse di mercato? Svolgo con molta responsabilità il mio ruolo facendomi carico di quelle che possono essere le esigenze di squadra e staff. Ho preso degli impegni e sono abituato a rispettarli».

L'ingaggio di Pedro

Si passa all’arrivo di Pedro, un passaggio storico dalla Roma alla Lazio. Una cosa che non capitava da trentasei anni. «Credo che ci voglia un po' di buon senso. Una forma di discriminazione, anche da parte dei club, va combattuta. Pedro dalla Roma non è stato impiegato, per noi era idoneo alla squadra. Al debutto ha già dato il suo apporto, abbiamo fatto un acquisto che ritengo giusto. Non le nascondo che ho ricevuto telefonate di sedicenti tifosi, minacce. Ma per me sono all'ordine del giorno. Sarri l'ha ritenuto utile, io l'ho messo nelle condizioni di acquisirlo».

 

Situazione Correa

E poi il lungo capitolo dedicato a Correa e all’Inter che sta giocando un po’ a nascondino. «La Lazio ha tantissimi giocatori – ha detto il patron -, ma bisogna impiegare coloro che sono funzionali al gioco di Sarri, e ci stiamo attrezzando per far sì che ciò accada. Lavoreremo fino alla fine del mercato in tal senso. La squadra ha bisogno anche di esser snellita, faremo anche questo. Abbiamo dimostrato di poter rispettare gli impegni senza cedere nessuno». Si va su Correa e qui Lotito cambia quasi espressione: «Quanto vale Correa? Il mercato non lo faccio in tv. All'inizio della mia presidenza dissi 'pagare moneta, vedere cammello'. Un motto che ancora resta. Anche perché noi i giocatori li paghiamo. Il mercato verrà fatto nel momento in cui qualcuno ci farà un'offerta in modo chiaro. Se la riterremo congrua, andremo avanti, altrimenti non gli daremo seguito. Se ho visto l'Inter? Sono sincero, non l'ho vista. Mi è stato riferito che c'è stata una partenza dell'avversaria non all'insegna della grande competitività. Ma non l'ho vista, non posso esprimere giudizi».

Inzaghi e il passato

Con l’ex tecnico ora attuale allenatore dell’Inter, Lotito non ha ancora dimenticato il modo come è andato via Inzaghi. «Se ho litigato con lui? Sono momenti che fanno parte del passato. Forse ho seminato male. Ma ho cancellato certe situazioni, penso al futuro e non al passato. Non lo faccio mai». L’ultima è sulla scelta di Dazn e sui problemi tecnici che ci sono stati alla prima giornata. «Tutte le innovazioni portano anche a piccoli problemi – spiega Lotito -, l'importante è che siano superabili. Il calcio è indispensabile, sta portando e promuovendo l'innovazione. Si tratta di un problema di carenza delle infrastrutture. Il calcio sta mostrando che sono obsolete e che vanno cambiate. Come tutte le cose ci sono processi d'assestamento che devono esser presi in considerazione, ma le persone non devono pentirsi delle loro scelte».

© RIPRODUZIONE RISERVATA