La Leonis presenta la High School Cup: gli istituti superiori si sfidano nel 3x3

Giovedì 8 Novembre 2018 di Marino Petrelli
L’entusiasmo intorno al 3x3 è contagioso e può portare a vincere un campo da gioco regolamentare. A contenderselo sedici istituti superiori romani che si affronteranno, con la formula dei concentramenti e poi dei playoff, nella “High School Cup”, il primo campionato italiano di questa disciplina a livello scolastico ideato e organizzato dalla Leonis Eurobasket Roma, squadra che milita in Legadue. L’evento, presentato ufficialmente nell’Aula Magna del centro di preparazione olimpica del Coni “Giulio Onesti” alla presenza di Gianni Petrucci, presidente della Federazione italiana pallacanestro e di Alex Sanchez, responsabile mondiale del 3x3, godrà del patrocinio della Regione Lazio, del comune di Roma e del Comitato regionale Fip Lazio.

Le sedici scuole capitoline si sfideranno in quattro gironi da quattro squadre, per poi passare alla fase di eliminazione diretta. I gironi saranno basati sul criterio della zona di appartenenza, avranno partite di andata e ritorno da disputarsi presso le palestre delle stesse scuole. Le prime due qualificate di ciascun raggruppamento disputeranno i play off con gare di eliminazione diretta da giocarsi durante l’intervallo delle gare ufficiali della prima squadra. In quale palazzetto ancora non si sa, dal momento che la squadra del presidente Buonamici è costretta a giocare a Ferentino le sue partite interne. Per questo motivo, il presidente Petrucci ha annunciato che sabato prossimo sarà a vedere la partita di serie A2 della Leonis. «Ci vado perché voglio mostrare affetto ad una squadra romana che deve emigrare per giocare in casa. Non è giusto, non è serio, non è corretto. Al Palazzetto dello Sport i lavori non sono ancora iniziati con conseguenze anche per la Virtus Roma – sostiene il presidente federale -. Lo sport è socialmente importante e non si può andare avanti così. Nella città di Roma, nella capitale d'Italia c'è tutto: il Papa, il presidente della Repubblica, il parlamento, ma non c'è il basket: non è possibile».

Ogni squadra sarà formata da giocatori di genere misto, avrà un proprio allenatore, un team manager e un addetto stampa. La Leonis fornirà il materiale didattico video con la presentazione del regolamento ufficiale del 3x3 spiegato da Andrea Capobianco, responsabile tecnico del Settore squadre nazionali maschili giovanili e del Comitato nazionale allenatori. Sul sito internet della società, www.ebkroma.it, sarà attivata una pagina ad hoc con risultati, classifiche e tutte le info relative al torneo. La Peak, il nuovo fornitore tecnico per le scarpe della prima squadra, premierà i giocatori che alzeranno il trofeo 2018-2019. «Siamo partiti dalla considerazione – conclude Antonio Mangiola, responsabile marketing della Leonis Eurobasket - che non tutte le scuole hanno un campo regolamentare, che le squadre di 4 giocatori sono più facili da formare in una classe e poi il 3x3 è diventata una disciplina olimpica». Gli fa eco Alex Sanchez, responsabile Fiba 3x3: «Il 3x3 ci ha portato dalle strade ai Giochi Olimpici per cui è importante che si parta dalla scuola. L’Italia ha vinto i mondiali femminili e sarà una delle nazioni che può essere protagonista a Tokyo 2020». © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Piumino, t-shirt e calzini bassi, ma i ragazzi non hanno freddo?

di Raffaella Troili