Coppa Italia, a Pesaro la Final Eight nel segno di Kobe Bryant

Mercoledì 12 Febbraio 2020 di Marino Petrelli
I giocatori dell'Olimpia Milano con le divise in stile Lakers per omaggiare Kobe Bryant

E’ tutto pronto alla Vitifrigo Arena di Pesaro per la Coppa Italia edizione 2020, targata Zurich Connect nel nome di Kobe Bryant. Da domani a domenica 16 febbraio, otto squadre per un trofeo che nelle ultime due edizioni ha regalato molte sorprese. La passata stagione a Firenze la vittoria andò alla Vanoli Cremona davanti a Brindisi, nel 2018 alla Fiat Torino sulla Leonessa Brescia. Pugliesi e bresciani sono presenti anche quest’anno e sono due outsider agguerrite, al pari della Fortitudo Bologna. La Virtus Bologna, la Dinamo Sassari, e l’Olimpia Milano sono le favorite. Cremona vuole difendere il titolo vinto la passata stagione, la Reyer Venezia, campione d’Italia in carica e entrata in Coppa da ottava all’ultimo respiro, vuole superare per la prima volta i quarti di finale.

Kobe Bryant, la figlia Capri di 7 mesi muove i primi passi. La moglie: «Ha gli occhi del padre. Non accetto queste morti»

Tutte le partite saranno in diretta su Rai Sport, Eurosport 2 e Eurosport Player. Nelle ultime 2 edizioni, escludendo gli utenti via internet, l’audience media a partita si è aggirata sui 150 mila spettatori per le 7 le gare dell’evento. Già prima di conoscere i nomi delle 8 squadre qualificate, erano stati venduti circa 11 mila biglietti per il torneo, cifra che in questi giorni è quasi raddoppiata. Sia nel 2018 sia nel 2019, il Mandela Forum di Firenze ha registrato il sold out per semifinali e finale, con una media spettatori che nella scorsa edizione ha raggiunto quota 5.294 presenti a partita.

Stavolta si passa dai circa 7 mila posti a sedere dell’impianto toscano ai 10 mila della Vitrifrigo Arena, al massimo della sua capienza. Un palazzetto che ha avuto una nuova copertura nel 2017, con un nvestimento da 1,6 milioni di euro e che in queste Final Eight vedrà esordire anche il nuovo "cubo", una struttura che scende dal tetto di 7 metri per 4 metri, dotata di monitor ad alta definizione. Acceso domenica scorsa nella partita tra Pesaro e Brindisi, per la Coppa Italia, ci dicono, riserverà molte sorprese.

I QUARTI DI FINALE
 

  • AX MILANO – VANOLI CREMONA (13/02 – ORE 18)
L'Olimpia si presenterà con una maglia viola e gialla dedicata a Kobe Bryant. Le magliette, anche in versione gialla con bande viola, saranno poi messe all'asta a fine manifestazione e il ricavato andrà alla "Mamba On Three", il fondo dedicato alle vittime dell'incidente dello scorso 26 gennaio. Milano è la seconda miglior difesa del campionato: 74.1 punti concessi di media agli avversari. E' alla quindicesima apparizione alle final eight, raggiungendo in testa la Mens Sana Siena. Undicesima presenza consecutiva alla Coppa Italia. Cremona, invece, è alla quinta partecipazione negli ultimi 6 anni. Oltre alla vittoria dello scorso anno ha ottenuto due semifinali e un’eliminazione ai quarti.

Olimpia Milano e Vanoli Cremona si sono già incontrate nelle semifinali dell’edizione 2016, vinse Milano 58 a 90. Meo Sacchetti raggiunge Piero Bucchi al secondo posto come numero di Final Eight in panchina, in testa Stefano Sacripanti con 11. Probabili protagonisti: Kiefer Sykes (Milano). Per l’americano classe 1993, fin qui le statistiche dicono 13.8 punti e 3.7 assist di media, con season high di 10 assist. Happ e Akele per Cremona. 
 

  • SEGAFREDO BOLOGNA – UMANA VENEZIA (13/02 – ORE 20.45) 
La Virtus Bologna è alla sua dodicesima presenza in una finale a otto, ha conquistato due titoli 2000 e 2001 e giocato altre 5 finali. È alla terza consecutiva dopo il ritorno in Serie A, nelle ultime due edizioni ha collezionato una semifinale e un’eliminazione ai quarti di finale. La Reyer Venezia partecipa alle Final Eight consecutivamente dal 2014 e in totale ha all’attivo 8 partecipazioni. Non ha mai superato i quarti di finale. In questa stagione si sono già incontrate due volte, in entrambe le occasioni è arrivata una vittoria per gli emiliani. Le due società non si sono mai incontrate prima durante una Final Eight. Djordjevic è alla terza edizione da allenatore, dopo aver guidato l’Armani Jeans nelle stagioni 2006 e 2007 ottenendo una semifinale e un’eliminazione ai quarti. De Raffaele è alla sua quinta Coppa Italia consecutiva, tutte con Venezia, ed è alla ricerca della prima vittoria. Propabili protagonisti: Teodosic e Stone. 
  • BANCO SARDEGNA SASSARI – HAPPY CASA BRINDISI (14/02 - ORE 18)
La Dinamo Sassari ha partecipato a 8 edizioni negli ultimi 9 anni saltando soltanto quella della stagione 2017/18. Due titoli conquistati nelle stagioni 2014 e 2015, una finale persa nel 2017 contro Milano e due semifinali. Per la Happy Casa Brindisi è la seconda partecipazione consecutiva e la sesta in totale. Lo scorso anno ha raggiunto la finale persa contro Cremona. Due semifinali nel 2014 e 2015. Due precedenti tra Sassari e Brindisi giocati durante una Final Eight, la semifinale della scorsa stagione che ha visto Brindisi passare il turno com il punteggio di 87 a 86 e il quarto di finale dell’edizione 2013 dove ad avere le meglio è stata Sassari con il punteggio di 98 a 96.

In campionato, quest'anno ha vinto la Dinamo a Brindisi 77-83. Pozzecco è alla sua seconda Final Eight da allenatore, dopo aver raggiunto la semifinale lo scorso anno. Vitucci è alla sesta edizione, ha conquistato due finali e una semifinale. Probabili protagonisti: Pierre e Spissu per Sassari, Banks e Sutton per Brindisi.
 

  • GERMANI BRESCIA – POMPEA BOLOGNA (14/02 - ORE 21)
 Terza Coppa Italia per la Leonessa Brescia che ha già disputato le edizioni 2017 e 2018 a Rimini e Firenze ottenendo una semifinale e una finale persa contro Torino. La Fortitudo Bologna torna alle final eight dopo l’ultima apparizione della stagione 2006. In totale ha partecipato a 6 edizioni prima di questa raggiungendo in due casi la semifinale.
Unica sfida inedita in Coppa Italia dei quarti di finale, le due società non si sono mai incontrate nella storia della manifestazione. Incampionato, lo scorso novembre, Brescia ha vinto a Bologna 74-88. Esposito ha partecipato da allenatore all’edizione del 2016 quando era alla guida di Pistoia, sconfitta nei quarti da Trento. Coach Martino, allenatore della Fortitudo, è l’unico esordiente di questa edizione in Coppa Italia.

 - Le semifinali saranno sabato 15 febbraio. Alle 17.45 si affronteranno la vincente tra Milano e Cremona e quella tra Virtus Bologna e Venezia, alle 21 la vincente tra Sassari e Brindisi contro la vincente tra Brescia e Fortitudo Bologna. La finale domenica 16 febbraio, alle ore 18. 

LE CURIOSITA’ 

La partita con il maggior numero di punti segnati complessivamente, 256, resta ancora Fermi Perugia - Mister Day Siena 131-125 dell’84/85, quella con lo scarto maggiore il +47 di Knorr Bologna - Marr Rimini 118-71.  La Virtus Bologna è la squadra che giocato più partite in questa competizione, 147. Le "Vu Nere", con 104 vittorie su 147 partite, hanno il 70,7 per cento di vittorie. Seguono Milano e la Pallacanestro Treviso. L'allenatore più vincente, nemmeno a dirlo, è Ettore Messina che la Coppa Italia l'ha vinta cinque volte. Per lui, 49 vittorie su 60 partite, l'81,7 per cento. Seguono Dan Peterson, 27-34 e 79,4 per cento, e Cesare Rubini, 21-27, pari al 77,8 per cento 

I GIOCATORI, LE PRESENZE, I PUNTI

Walter Magnifico è primo per presenze 107 e terzo nei punti segnati: 1308. Secondo Oscar Schmidt con 1405, primo Antonello Riva 1477. Jason Rowan è il giocatore che ha realizzato il maggior numero di punti in Coppa Italia in una stagione, 273, con la Kleenex Pistoia nella stagione 1989/90. Dietro di lui, Joe Bryant che con la maglia di Rieti nella stagione 1984/85 ne mise a segno 271. Terzo Oscar Schmidt, 248 punti con la Mobilgirgi Caserta nell’85/86. Parliamo, ovviamente, di annate in cui la Coppa Italia era disputata dai sedicesimi di finale e aveva molte più partite. John Brown di Brindisi è stato il miglior realizzatore della stagione scorsa con 63 punti. Drazen Dalipagic con 53 punti è il giocatore che ha segnato il maggior numero di punti in una singola partita nella vittoria 103-100 della Reyer Venezia contro la Cuki Mestre nella stagione 1987/88. Joe Bryant ha fatto due volte 51 punti. 
 

Ultimo aggiornamento: 20:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Che cosa fa litigare i negozianti e i padroni dei cani

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma