Scherma, Mondiali: la spada della Navarria è d'oro, l'Italia parte forte

Domenica 22 Luglio 2018
Arriva la prima medaglia per l'Italia ai mondiali di scherma di Wuxi ed è subito d'oro. Esultano gli azzurri con Mara Navarria nella spada femminile. La friulana dell'Esercito, numero 1 del ranking mondiale e del tabellone, aveva esordito superando per 15-9 l'ungherese Anna Kun, proseguendo poi col successo per 15-11 sulla francese Auriane Mallo, per poi fermare la statunitense Katharine Holmes col punteggio di 15-9. In semifinale si arresa la svizzera Staehli, prima della finale per l'oro vinta 13-9 contro la romena Maria Popescu che, nel suo cammino, aveva eliminato l'altra azzurra Rossella Fiamingo nel turno delle 32 (fuori anche Giulia Rizzi nello stesso punto della gara). Per la 33nenne friulana, che finora aveva vinto più con la squadra che a livello individuale, si tratta del primo titolo iridato della carriera e del terzo podio mondiale dopo i due bronzi conquistati con la squadra a Catania 2011 e Kazan 2014. 

Nella gara di sciabola maschile stop alle porte dei quarti di finale per Luigi Samele, Enrico Berrè e Luca Curatoli, mentre Aldo Montano si era fatto sorprendere addirittura al primo assalto della giornata contro il francese Lambert. 

LE PAROLE DELLA CAMPIONESSA
Da neocampionessa del mondo sorride, Mara, ma non riesce a trattenere le lacrime. «Questo successo - dice - era la promessa che avevo fatto al mio ex maestro Oleg Pouzanov (scomparso 2 anni fa e storico allenatore della campionessa) e lui da lassù so che sta sorridendo. Questa medaglia non è solo mia. È di mio marito Andrea e di mio figlio Samuele, così come del mio maestro Roberto Cirillo e dello staff della Nazionale, la mia seconda famiglia. È di tutti coloro che lavorano con me. È un cammino lungo e adesso voglio godermi questa emozione fortissima». «È il miglior regalo di compleanno che potessi augurarmi – continua Mara Navarria, che ha festeggiato 33 anni lo scorso 18 luglio -. Ora si pensa alla gara a squadre e poi a festeggiare a casa mia, a Carlino, con tutta la mia famiglia e le persone che salgono con me stasera sul podio». Ultimo aggiornamento: 17:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La realtà virtuale dei grillini e i problemi (reali) della città

di Simone Canettieri