Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cecilia Bartoli incide con il coro della Cappella Sistina, è la prima donna ad essere ammessa

Cecilia Bartoli incide con il coro della Cappella Sistina, è la prima donna ad essere ammessa
1 Minuto di Lettura
Martedì 24 Ottobre 2017, 17:12

Per la prima volta una donna incide con il coro della Cappella Sistina. Cecilia Bartoli il mezzosoprano apprezzato in tutto il mondo per la musicalità e il virtuosismo spericolato ha dato il suo contributo al nuovo cd musicale della Cappella Sistina edito da Deutsche Grammophon «Veni Domine - Advent e Christmas at the Sistine Chapel», questo il tilo del cd, si tratta di una colossale operazione discografica in vista del Natale dove, ha spiegato il direttore della Cappella Musicale Sistina, monsignor Massimo Palombella, non si troveranno i consueti canti natalizi ma un repertorio di manoscritti rinascimentali del fondo Cappella Sistina custodito nella Biblioteca Apostolica Vaticana, contenente tre prime incisioni mondiali e la Beata viscera Mariae Virginis di Perotinus con la partecipazione appunto della Bartoli.

«Tutta la musica presente nel cd è stata storicamente composta per le celebrazioni papali e continua oggi, anche dopo la Riforma Liturgica del Concilio Vaticano II, ad esserne parte con l’attenta preoccupazione di precisa pertinenza celebrativa. L’incisione di un repertorio qualificato come ’musica antica’ non è compiere un’operazione archeologica, o nostalgica o anche semplicemente culturale» ha detto Palombella, aggiugendo che l’operazione risponde alla volontà di restituire un segno sonoro antico e dunque prezioso, capace di resistere in modo fecondo alla storia e continuare così ad essere attuale, vivo». Le registrazioni, come era accaduto per i precedenti cd, sono state effettuate nella Cappella Sistina.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA