Il futuro del rock è donna: le giovani cantautrici conquistano la scena

Domenica 1 Dicembre 2019 di Mattia Marzi
Jade Bird

Da Billie Eilish a Lorde, passando per Melanie Martinez, Girl in Red, Sasha Sloan, Halsey e Jade Bird: il nuovo indie è donna e giovane. Hanno tutte meno di 25 anni e vengono da ogni angolo del mondo: Usa, Nuova Zelanda, Norvegia, Australia. Sono belle e ribelli. Anticonformiste. Non si ispirano alle star femminili del pop tutto lustrini e paillettes degli ultimi anni. I loro riferimenti sono altri: musiciste che hanno dovuto lottare per imporsi in un ambiente notoriamente maschilista, come St. Vincent, Joan As Police Woman e Cat Power.
Un movimento che ha avuto come caposcuola la neozelandese Lorde: il successo di Royals - pubblicata quando aveva appena 17 anni - sembrava un fuoco di paglia, invece Ella Yelich-O'Connor (oggi ha 23 anni) ha saputo costruirsi una carriera solida, rifacendosi al pop colto degli Anni 80 e 90 come quello di Björk e Kate Bush. «Ascoltare la tua musica è come sentire il futuro», le sussurrò David Bowie. L'industria voleva trasformarla in una nuova Katy Perry, ma Lorde non si è piegata al volere dei discografici. Per qualche anno ha fatto perdere le sue tracce, salvo poi tornare con il sofisticato Melodrama.

Billie Eilish fa tendenza: la popstar con il broncio è la nuova it girl da seguire

Fenomeno Billie Eilish, una teenager al top delle classifiche di Usa e Gran Bretagna

Contro i meccanismi dello show business si è scagliata Billie Eilish: «Questo settore è orribile», ha detto in un'intervista la 18enne losangelina, che con l'album When we all fall asleep, where do we go? è riuscita ad imporsi. La cantautrice (vista a Milano, dove tornerà a luglio) lo ha scritto insieme al fratello Finneas O'Connell. In molti l'hanno eletta portavoce della Generazione Z: «Quando guardo gente come lei, capisco che il rock non è morto», ha detto Dave Grohl, ex batterista dei Nirvana, oggi leader dei Foo Fighters. Sono femministe convinte, come Halsey (Ashley Frangipane, origini italiane): «Amo gli sguardi dei personaggi dell'industria quando scoprono che sono una ventenne, donna che scrive canzoni. Continuiamo a fare rumore!», ha twittato quando è uscito il suo album.
Consapevoli di essere sexy, non usano il proprio corpo per far parlare di sé e non hanno paura di mostrarsi struccate. Tipe acqua e sapone, verrebbe da dire guardando Birdy (nata nel 96 in Inghilterra da genitori olandesi, ha fatto successo reinterpretando canzoni delle star dell'indie Bon Iver e Fleet Foxes) o Jade Bird (da Hexham, nell'Inghilterra del nord, è considerata la nuova stella del folk). Clairo (21) si è fatta conoscere con l'inno femminista Pretty girl, accompagnato da un video amatoriale (oltre 40 milioni di visualizzazioni): «I miei capelli erano grassi, la mia pelle brutta, non avevo niente di figo da indossare. Ho capito che era ok sentirsi così». Le major volevano metterla sotto contratto, ma lei ha preferito continuare a fare di testa sua. Melanie Martinez e Sasha Sloan (24), invece, alla fine hanno ceduto alle lusinghe delle multinazionali dopo i successi riscossi da indipendenti, riscattando anni di duro lavoro. Molte di loro sono bisex o amano donne. E non lo nascondono.

​Eilish, la generazione Z ha trovato la sua voce: ecco l’anti Ariana Grande

King Princess (Mikela Straus, newyorkese classe 1998) in 1950 ha raccontato l'amore per una ragazza, diventando un idolo per la comunità LGBT (incide per l'etichetta di Mark Ronson, già al fianco di Amy Winehouse e Lady Gaga). Così ha fatto anche la ventenne Girl in Red - nome d'arte di Marie Ulven Ringheim, norvegese - in I wanna be your girlfriend, che scrive canta e produce tutte le sue canzoni: c'è attesa per il suo disco che uscirà nel 2020. Sempre dalla Norvegia è partita la 23enne Aurora (recentemente chiamata a interpretare Baby mine per la colonna sonora del Dumbo di Tim Burton), mentre in Australia Tash Sultana e Tones and I si sono entrambe fatte le ossa esibendosi per le strade di Melbourne. La prima deve la sua popolarità ai video su YouTube in cui suona la chitarra con i capelli selvaggi e l'abbigliamento ribelle (Jungle si aggira intorno ai 60 milioni di visualizzazioni), l'altra sta scalando le classifiche con la hit Dance monkey (a giugno sarà a Verona e Milano). Per i ragazzi e le ragazze della loro età sono già dei modelli di riferimento.
 

Ultimo aggiornamento: 11:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

L’asse Ficcardi–Cacciatore, la coppia che punta l’indice

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma