Independence Day all'ambasciata Usa: c'è Salvini con Francesca, nessun saluto a Di Maio

(di Paola Pisa)

Sono a stelle e strisce le bandiere, le coccarde, i ventagli. Le cravatte. Si celebra l’Independence Day e a Villa Taverna è un trionfo di fiori, stendardi. Fuochi d’artificio. Ad accogliere nella sua superba residenza tremila ospiti tra cui i più alti rappresentanti di istituzioni, politica, imprenditoria, diplomazia, cultura sono l’ambasciatore degli Stati Uniti Lewis Eisenberg e la moglie Judith. Il padrone di casa è prodigo di abbracci. Spesso posa con “Thumbs up”, pollice alzato. Sono calorosissimi i saluti con il ministro dell’Interno Matteo Salvini con la fidanzata Francesca Verdini, con il vice presidente del Consiglio Luigi Di Maio che ha accanto la fidanzata Virginia Saba, con i ministri Giovanni Tria, Gian Marco Centinaio, Giulia Bongiorno, Sergio Costa. C’è la sindaca Virginia Raggi in tailleur nero. Ecco Nicola Zingaretti, Paolo Gentiloni, Giulio Tremonti. 
 


Una serata intensa, attesa. Tra le più grandiose nelle residenze diplomatiche. Il Capo Missione stringe mani per due ore. Arrivano Pier Ferdinando Casini, Mara Carfagna, Maurizio Gasparri, Beniamino Quintieri, Giorgia Meloni. Ecco gli ambasciatori di Israele, Francia, Australia, Portogallo, Svizzera, Turchia, Lettonia, Mongolia, Thailandia, Kazakistan. Momento speciale quando passano i Marines. È la volta degli inni. L’ambasciatore rivolge il benvenuto: «Vi ringraziamo per essere qui a celebrare con noi l’anniversario dell’Indipendenza degli Stati Uniti d’America. Circa due secoli e mezzo fa alcune persone decisero di creare una nuova nazione. Con il convincimento che tutti sono uguali. Risale al 4 luglio 1776 la Dichiarazione di Indipendenza». Il diplomatico ricorda Jefferson. Parla del sacrificio di molti americani per la libertà dei popoli, inclusi gli italiani. Cita Lincoln. Nomina Democrazia e Libertà. Conclude con “Dio benedica l’Italia e benedica l’America”. Applausi. Battimani da Gigi D’Alessio e Tiziana Rocca. Da Milly Carlucci. Da Ignazio La Russa.

Un mix festosissimo a cui partecipano Franco e Sandra Carraro, lo stilista palestinese Jamal Taslaq. Profumo di hot dog e hamburger nel giardino. Presenti gli ambasciatori Riccardo Guariglia, Umberto Vattani, Michele Valensise con la moglie Elena. Poco distanti Elettra Marconi con Guglielmo e Vittoria Giovanelli Marconi, Marisela Federici, Maria Pia Ruspoli, Ugo Brachetti Peretti, Giancarlo e Nadia Nardi con le figlie Francesca e Alessia, Giorgio e Gay Bartolomucci, Valeria Licastro. Poi assedio alle torte rigorosamente a stelle e strisce.

ALTRE FOTOGALLERY DELLA CATEGORIA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Noi, viaggiatori compulsivi con destinazione “ovunque

di Mauro Evangelisti