San Gimignano celebra i suoi primi 30 anni nella lista del Patrimonio Unesco con un evento online il 12 dicembre

Giovedì 10 Dicembre 2020
San Gimignano celebra i suoi primi 30 anni nella lista del Patrimonio Unesco con un evento online il 12 dicembre

Il compleanno è uno di quelli di tutto rispetto: trent'anni nella lista del Patrimonio mondiale dell'umanità Unesco. Per celebrare l'evento San Gimignano, il suggestivo paese delle torri in provincia di Siena, fa le cose in grande, puntando su turismo e cultura come motori dello sviluppo post pandemia, al centro di un evento online che vedrà protagonisti rappresentanti del Mibact, della Regione Toscana, dell'Unesco oltre a docenti universitari italiani e stranieri ed esperti del settore turistico e culturale. Sabato 12 dicembre dalle ore 10 in diretta sulla pagina Facebook e sul profilo youtube del Comune di San Gimignano ad aprire sarà il sindaco della città turrita Andrea Marrucci. Seguiranno il sottosegretario del Mibact Lorenza Bonaccorsi, il presidente della Commissione nazionale Unesco Franco Bernabè, il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, la direttrice Unesco World Heritage Centre Mechtild Rossler e tanti altri.

Il museo della tortura di San Gimignano

Ad arricchire l'evento alcune interpretazioni video da parte delle associazioni culturali di San Gimignano sui criteri Unesco per il centro storico della città turrita. L'evento, organizzato dal Comune di San Gimignano in collaborazione con Vernice Progetti Culturali, aprirà un anno di festeggiamenti per il 30esimo anniversario dell'iscrizione del centro storico nella lista Unesco. Durante tutto il prossimo anno saranno attivati dei tavoli tematici (su formazione, cultura, qualità della vita e turismo) che hanno lo scopo di portare contenuti per la programmazione di San Gimignano e per l'aggiornamento del piano di gestione Unesco. I tavoli si svolgeranno dal febbraio al maggio 2021, mentre l'11 dicembre 2021 è prevista la conclusione dei lavori con un'assemblea plenaria.

San Gimignano, crolla un tratto delle mura medievali: zona vietata al passaggio dei pedoni

© RIPRODUZIONE RISERVATA