Matrimoni 2020, dal web la battaglia delle "Spose Eroine" per salvarli

Martedì 16 Giugno 2020 di Barbara Savodini
Matrimoni 2020, dal web la battaglia delle

I matrimoni 2020 passeranno alla storia come i più tormentati della storia. Nozze sì o nozze no? Cambio location? Data confermata? Invitati dimezzati? E come fare per non scontentare i fornitori?

Da questo vortice di problemi ed emozioni sono nate, ormai tre settimane fa, le “Spose eroine”, quelle che proprio non ci stanno a rinunciare alle proprie nozze nel 2020. Passare dalle parole ai fatti è stato un attimo per queste giovani e determinate ragazze con l'anello al dito e tanti progetti scombussolati, all'improvviso, dalla pandemia.

Cinema e teatri riaprono, sì a matrimoni e balli all'aperto: nuove regole da lunedì 15 giugno

Incontrano vescovi, sindaci e fornitori, studiano normative, veicolano informazioni e offrono supporto morale a chi non sa più quando pronuncerà il fatidico sì: questo gruppo, nato appena tre settimane fa su WhatsApp e poi approdato con successo su Instagram e Facebook, è presto divenuto un punto di riferimento in tutta Italia con oltre cinquemila iscritti. Una sorta di “sindacato delle spose” che sta facendo parlare di sé da nord a sud dello Stivale.

Perché, come si suol dire, una noce non fa rumore ma un sacco intero può.

«L'unione fa la forza – commenta Eleonora Righi, amministratrice Instagram di “Spose Eroine” - e l'energia del gruppo serve da ricarica ogni volta che una ragazza ha un cedimento. Questa blog per me è stata una grande opportunità, mi ha permesso di entrare in contatto con tantissime spose e con molti fornitori che ancora credono in questo particolare 2020. Grazie all'esperienza acquisita sono riuscita ad aiutare tante ragazze e sensibilizzare diversi operatori del settore».


“Partecipazioni Specialisti”, per esempio, oltre a riservare sconti per le iscritte ai gruppi social di “Spose Eroine”, proprio ascoltando le esigenze di queste ragazze, ha ideato gli inviti intelligenti. Altri fornitori hanno seguito l'esempio.

«Questa nuova partecipazione – spiega Vincenzo Flora - toglie d'impaccio chi, con dpcm e normative in continuo aggiornamento, non riesce ancora ad avere una data certa per le nozze».

Ma l'invito si sa, è una piccolissima parte della macchina organizzativa. Chiese, ristoranti, buffet, catering: tutto, ai tempi del covid, è regolato da nuove leggi spesso contrastanti.

Le “Spose Eroine” si sono quindi proposte di fare chiarezza in questo selva di esigenze e restrizioni diventando un punto di riferimento tanto per i fornitori quanto per le ragazze pronte a pronunciare il fatidico sì.

© RIPRODUZIONE RISERVATA