CORONAVIRUS

Va in coma per il virus e si sveglia dopo settimane: non sa nulla della pandemia, come in "28 giorni dopo"

Mercoledì 20 Maggio 2020
Va in coma per il virus e si sveglia dopo settimane: non sa nulla della pandemia, come in

Covid-19, una storia incredibile arriva dalla Gran Bretagna e riporta alla mente il film "28 giorni dopo" dove un giovane si risveglia dopo settimane di coma e nulla sa di un virus che ha sterminato la popolazione mondiale. Brian Harvey, un uomo britannico di 69 anni, è stato ricoverato all'ospedale di Bristol il 21 marzo con quello che si pensava fosse un aneurisma. Invece, i test hanno rivelato che l'uomo aveva contratto il coronavirus e il giorno successivo, a causa del peggioramento delle sue condizioni generali gli è stato indotto il coma. E secondo quanto raccontato da Metro, ha trascorso quattro settimane in stato di incoscienza in terapia intensiva.

Coronavirus, per la prima volta nemmeno un morto in Abruzzo


«È stato straziante vederlo in quelle condizioni», ha ricordato la figlia di Harvey, Faye Stapleton, 32 anni.
Quando il paziente ha ripreso conoscenza, la famiglia è stata costretta a parlargli della crisi sanitaria globale, dal momento che Brian si era completamente dimenticato dell'epidemia. «Non sapeva del coronavirus quando si è svegliato. Abbiamo dovuto spiegargli che c'era un virus e che tutto era chiuso», ha detto Stapleton. Secondo Stapleton, Harvey è attualmente sottoposto a terapia fisica per riuscire a riprendere tutte le funzioni.

TikTok dribbla il coronavirus: il valore vola oltre 100 miliardi di dollari Tornano i piani di quotazione a Hong Kong?

Ultimo aggiornamento: 19:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani