CORONAVIRUS

Scuola, il virologo Crisanti: «Chi ha febbre oltre 37,1 non dovrebbe entrare»

Mercoledì 26 Agosto 2020
Scuola, Crisanti: «Chi ha febbre oltre 37,1 non dovrebbe entrare»

«E’ chiaro che 37,5 è una soglia del tutto inadeguata per i giovani, andrebbe portata a 37,1 visto che i giovani sono spesso asintomatici». Sono le parole del professor Andrea Crisanti in vista della riapertura delle scuole. Secondo il virologo, per contrastare la diffusione del coronavirus «la febbre va misurata a scuola con strumenti uguali per tutte le scuole. Non credo che le misurazioni in 8 milioni di famiglie possano dare un risultato univoco con misurazioni in bocca, sotto l'ascella... E’ chiaro che 37,5 è una soglia del tutto inadeguata per i giovani, andrebbe abbassata e portata a 37,1-37,2 visto che i giovani sono spesso asintomatici. Servirebbero anche sistemi automatici per verificare contestualmente il corretto utilizzo della mascherina: ci sono strumenti che eseguono entrambe le operazioni in un secondo».

Covid, l'esperto dell'Rt Merler: «Il virus si può estendere dai giovani agli anziani, bisogna cercare gli asintomatici»
Covid, la prima malata di Roma: «Combatto ancora con dolori e fatica, i vicini hanno paura di me»

«Aspettarsi che gli alunni rispettino un metro di distanza è un’aspirazione che non verrà rispettata. La soluzione migliore è che i bambini vadano a scuola e si mettano la mascherina, è la cosa più sicura», aggiunge.

Ultimo aggiornamento: 11:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA