Covid, l'infettivologo Galli: «Febbre studenti? Meglio misurarla a casa la sera prima. Ma anche a scuola per uniformità»

Covid, l'infettivologo Galli: «Febbre studenti? Meglio misurarla a casa la sera prima»
2 Minuti di Lettura
Martedì 25 Agosto 2020, 18:50 - Ultimo aggiornamento: 26 Agosto, 07:34

«Dobbiamo uscire dal concetto di ora di punta: vanno sincronizzati gli orari di entrata e uscita da scuola. La febbre andrebbe misurata la sera prima, questa è una buona prassi per i genitori. Meglio la sera prima o il primo mattino. Ma è utile misurarla a scuola, così si crea uniformità: tutti con lo stesso termometro e attenzione a tenerlo tarato a ingresso e uscita». Ne è convinto Massimo Galli, infettivologo dell'ospedale Sacco e dell'università degli Studi di Milano, intervenuto su Rainews sul tema di trasporti verso la scuola e sul tema della misurazione della temperatura.

Covid test, tamponi e Regioni, la lotta “fai da te” al virus tra scuola e aeroporti. Le regole e i costi

Nidi e scuole dell'infanzia: sarà obbligatorio misurare temperatura ai bimbi e a tutto il personale

«Questo introduce la presenza sanitaria a scuola che è fondamentale - ha sottolineato - Non serve il medico dalla prima all'ultima campanella, ma serve un medico che segue le storie. E sarebbe utile anche per altri tracciamenti, oltre alla Covid». Più in generale in tema ha sottolineato: «Oggi il problema è l'accesso ai pronto soccorso per problemi non reali, ma per paura. Occorre ora avere linee di gestione per i pronto soccorso, da tenere separati con ipotesi diagnosi Covid e altri. Questa malattia ci impone di ridisegnare l'organizzazione degli ospedali. In Italia ci sono 6 mila sieropositivi, gli autoimmuni, eccetera, devono tornare ad essere curati come prima».

© RIPRODUZIONE RISERVATA