Allarme clima: il 2018 l'anno più caldo di sempre in Europa, il quarto nel mondo

Venerdì 8 Febbraio 2019
1
Allarme clima: il 2018 l'anno più caldo di sempre in Europa, il quarto nel mondo

Effetto serra, il mondo si riscalda. Il 2018 è stato l'anno più caldo in Europa da quando si fanno rilevazioni scientifiche delle temperature, dal 1880. La temperatura media è stata di 1,78 gradi sopra la media del 20/o secolo. Lo rivelano i dati della Nasa e dell'ente americano per le ricerche sul'atmosfera e gli oceani, il Noaa. Il 2018 è stato il quarto anno più caldo nel mondo dal 1880, dopo il 2016 (il più caldo), il 2015 (il secondo) e il 2017 (il terzo). In Europa invece l'anno passato è stato il più caldo in assoluto. Nasa e Noaa rilevano che la temperatura media dell'Europa è aumentata in media di 0,12 gradi per decennio dal 1910. Ma dal 1981 ad oggi il riscaldamento è accelerato, di 0,43 gradi al decennio.

È quanto emerge da analisi indipendenti di Nasa e National Oceanic and Atmospheric Administration (Noaa). Secondo gli scienziati del Goddard Institute for Space Studies (Giss) della Nasa a New York, le temperature globali nel 2018 - si legge in una nota della agenzia spaziale americana - erano di 0,83 gradi Celsius più calde rispetto al periodo 1951-1980. A livello globale, le temperature del 2018 sono al di sotto di quelle del 2016, 2017 e 2015. Gli ultimi cinque anni risultano, considerati insieme, gli anni più caldi nelle rilevazioni moderne. «Il 2018 è ancora un anno estremamente caldo in cima a una tendenza al riscaldamento globale a lungo termine», ha dichiarato il direttore del Giss, Gavin Schmidt.

Dal 1880 - spiega - la temperatura media della superficie globale è aumentata di circa 1 grado Celsius. Questo riscaldamento è stato spinto in gran parte da un aumento delle emissioni nell'atmosfera di anidride carbonica e altri gas serra causati da attività umane. Le tendenze al riscaldamento sono più forti nella regione artica, dove il 2018 ha visto la continua perdita di ghiaccio marino. Inoltre, la perdita di massa dalle calotte glaciali della Groenlandia e dell'Antartico ha continuato a contribuire all'innalzamento del livello del mare. Secondo Schmidt, l'aumento delle temperature può anche contribuire a stagioni degli incendi più lunghe e ad alcuni eventi meteorologici estremi. «Gli impatti del riscaldamento globale a lungo termine vengono già avvertiti: inondazioni costiere, ondate di calore, precipitazioni intense e cambiamenti nell'ecosistema», ha detto Schmidt.

In un chiaro segnale dei continui cambiamenti climatici a lungo termine, associati alle concentrazioni record di gas serra nell'atmosfera, 2015, 2016, 2017 e 2018 sono stati i quattro anni più caldi mai registrati. È quanto scrive in una nota il Wmo, l'Organizzazione meteorologica mondiale, che pubblicherà il suo rapporto completo sullo 'Stato del clima nel 2018' a marzo. L'analisi del Wmo mostra che la temperatura superficiale media globale nel 2018 era di circa 1° Celsius (con un margine di errore di 0,13°C) al di sopra dei livelli preindustriali (1850-1900).

Se l'anno passato si classifica come il quarto anno più caldo mai registrato, il 2016, influenzato da El-Niño, rimane l'anno più caldo mai registrato (1,2°C al di sopra dei livelli preindustriali). Le temperature medie globali nel 2017 e 2015 sono state entrambe di 1,1°C sopra i livelli preindustriali. Questi due anni sono praticamente indistinguibili perché la differenza è inferiore al centesimo di grado, meno del margine di errore statistico. «L'andamento della temperatura a lungo termine è molto più importante della classifica dei singoli anni, e questa tendenza è al rialzo - dichiara il segretario generale del Wmo, Petteri Taalas - I 20 anni più caldi mai registrati sono stati negli ultimi 22 anni. Il livello di riscaldamento degli ultimi quattro anni è stato eccezionale, sia sulla superficie che nell'oceano». 

Le temperature sono solo una parte della storia - avverte - Il clima estremo e ad alto impatto ha colpito molti Paesi e milioni di persone, con ripercussioni devastanti per le economie e gli ecosistemi nel 2018. Molti degli eventi meteorologici estremi sono coerenti con ciò che ci aspettiamo da un clima che cambia. Questa è una realtà che dobbiamo affrontare. La riduzione delle emissioni di gas a effetto serra e le misure di adattamento climatico dovrebbero essere priorità globali». A livello meteorologico, l'anno 2019 ha preso il via dove il 2018 è terminato - ricorda il Wmo - L'Australia ha registrato il gennaio più caldo, con ondate di calore senza precedenti per dimensioni e durata. La Tasmania ha vissuto il gennaio più secco con incendi distruttivi. Il caldo estremo nell'emisfero meridionale ha fatto da contrasto al freddo estremo in alcune parti del Nord America.

«Il clima freddo negli Stati Uniti orientali non smentisce certamente i cambiamenti climatici - afferma Taalas - L'Artico si sta riscaldando il doppio della media globale. Una grande parte del ghiaccio nella regione si è sciolta. Questi cambiamenti stanno influenzando i modelli meteorologici al di fuori dell'Artico, nell'emisfero settentrionale. Una parte delle anomalie fredde a basse latitudini potrebbe essere collegata ai drammatici cambiamenti nell'Artico. Quello che succede ai Poli non rimane ai Poli ma influenza le condizioni meteo e climatiche alle latitudini più basse dove vivono centinaia di milioni di persone».

Ultimo aggiornamento: 17:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il ritorno della grillina Alisia dall’Olanda a Strasburgo

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma